Al via il progetto di riqualificazione di Piazza Mazzini a Lecce

Via libera della Giunta comunale di Lecce al progetto di riqualificazione di Piazza Mazzini. Via i pini, marciapiedi e spartitraffico nuovi, attraversamenti pedonali ‘rialzati’ rispetto al manto stradale per una maggiore sicurezza e per creare un’unica passerella di collegamento fra la Galleria e la piazza.
Gli uffici dell’assessorato ai Lavori pubblici hanno realizzato questo progetto lo scorso febbraio, come confermato dal funzionario Renato Franco: “All’area Demanio Stradale del Comune sono pervenute numerose segnalazioni da parte dei cittadini e dei commercianti in relazione alle cattive condizioni in cui versano gli spartitraffico circostanti l’area della fontana di piazza Mazzini che, oltre a determinare rischi al transito pedonale, offrono un’immagine negativa del centro moderno della città”
E proprio gli spartitraffico, in particolar modo lungo il lato che costeggia Galleria Mazzini e quello adiacente a via Trinchese, sono impraticabili: le radici degli alberi hanno sollevato il manto stradale, le mattonelle sono state divelte, in qualche caso mancano del tutto, nonostante gli ultimi lavori di sistemazione della zona risalgano al 2009, quando il Comune, in occasione del G8 dell’economia organizzato proprio a Lecce, decise di rimettere a nuovo le zone centrali della città.
Il progetto ammonta a 150mila euro, e prevede la sostituzione delle attuali alberature in pino con altre del tipo Ficus; la demolizione e il rifacimento delle pavimentazioni in pietrini di cemento degli spartitraffico; la realizzazione di tre attraversamenti pedonali a piattaforma rialzata; la realizzazione di rampe circolari in pietra di aprile sulla piazza; il rifacimento degli attuali scivoli per portatori di handicap; l’estirpazione di radici dal sottosuolo che hanno determinato il sollevamento del manto bituminoso lungo le aree destinate a parcheggio; il rifacimento del manto bituminoso dell’intera area circostante piazza Mazzini e il rifacimento ex novo della segnaletica orizzontale, con integrazione di strisce, zebrature e quanto necessario a garantire le normali condizioni di sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *