Bradascio ritira la candidatura a presidente della Regione Basilicata e l’adesione a Progetto Popolare

Risulta dal documento conclusivo della riunione del centro-sinistra del 13 gennaio che Progetto Popolare ha condiviso la necessità di partecipare ad elezioni primarie per la scelta del candidato presidente del centro-sinistra alle prossime elezioni regionali.
A sottoscrivere il documento è stato il consigliere Aurelio Pace, contro la volontà del candidato presidente di Progetto Popolare, dottor Luigi Bradascio, e di tutto il gruppo di Matera città.
Da tempo la posizione del gruppo, che si richiama al dottor Bradascio, e che ha contribuito a costruire fino ad oggi Progetto Popolare, è stata più che chiara e in più occasioni espressa attraverso la stampa: Progetto Popolare è una formazione moderata, centrista, riformista, europeista, fondata su valori di solidarietà sociale e di impegno civico non negoziabili, ben differenziata dagli altri movimenti e dagli altri partiti e non disposta a coalizzarsi con essi. Pronta ad accogliere quanti si ispirino ai valori del cattolicesimo, quanti provengano dal mondo dell’associazionismo e del volontariato, dalle professioni e dalla società civile, vuole rispondere ad attese e speranze di vaste aree della popolazione che spesso si sono astenute dall’andare a votare e che stanno vivendo un momento di delusione e disorientamento.
Per tutte queste ragioni l’iniziativa del consigliere Pace ha colto di sorpresa l’intero movimento e in modo particolare il dottor Bradascio che ha manifestato amarezza e delusione. Tanto più che, come risulta ampiamente dai resoconti giornalistici e da prese di posizione ufficiali sulla scelta delle elezioni primarie, ci sono troppe e pesanti opposizioni interne al Pd che mettono seriamente in discussione l’elemento essenziale della partecipazione popolare.
Non può che conseguirne, seppure molto a malincuore, la decisione di ritirare la propria candidatura a Presidente della Regione Basilicata e la stessa adesione a Progetto Popolare.
Il dottor Bradascio e tutto il gruppo di materani che a lui fanno riferimento valuteranno nei prossimi giorni l’opportunità di proseguire la strada intrapresa, eventualmente con la creazione di un movimento autonomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *