49enne di Ceglie Messapica muore dopo intervento chirurgico in Toscana

Un viaggio fino a Pisa per sottoporsi a un trapianto di fegato e pancreas, ma purtroppo per Antonio Sponzelli, di 49 anni, residente a Ceglie Messapica, quell’operazione è risultata letale. L’uomo, infatti, è morto nella notte tra il 9 e il 10 maggio. Ora per quel decesso ci sono 6 chirurghi dell’ospedale toscano ‘Cisanello’ sotto inchiesta per omicidio colposo. È stata la moglie di Sponzelli a rivolgersi alla Procura per capire cosa non ha funzionato dopo un intervento durato diverse ore e al quale erano affidate le sorti del consorte.
Qualcosa non è andata per il verso giusto secondo la moglie che, in assenza di un riscontro diagnostico interno all’ospedale, ha quindi deciso di rivolgersi alla Procura per capire cosa non ha funzionato dopo un intervento durato molte ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *