A Milano, la XXIII edizione della Festa di Sant’Eufemia

E’ stata celebrata domenica 13 ottobre a Milano, per il ventitreesimo anno, la Santa Messa e la processione in onore di Sant’Eufemia. Il Culto di Sant’Eufemia di Milano nasce con la creazione dell’Associazione Culturale Sant’Eufemia la cui sede è a San Giuliano Milanese (MI).

“L’associazione nasce nel 1996 quando, un gruppo di irsinesi esprime il desiderio, dopo aver scoperto che a Milano esiste una chiesa dedicata alla nostra santa protettrice, di commissionare una statua lignea policroma e farne dono alla parrocchia Milanese”.

Nella seconda domenica di ottobre, si celebra la Festa di Santa Eufemia a Milano e nel comune di San Giuliano con l’arrivo di moltissimi irsinesi da ogni parte d’Italia, spinti da un forte richiamo per la loro Patrona.

Ieri, domenica 13 ottobre 2019, alle ore 11 a Milano, in Corso Italia, nella Chiesa di Sant’Eufemia, gremita di gente, è stata celebrata la Santa Messa in onore della Patrona Sant’Eufemia.

Anche quest’anno c’è stata tantissima partecipazione, ed erano presenti rappresentanti della comunità di Irsina, San Giuliano Milanese e Sassuolo, ma anche tanti irsinesi residenti a Milano e hinterland e della città di Torino.

Don Fabio Landi parroco della parrocchia di Sant’Eufemia ha celebrato la Messa con Don Michele Francabandiera di Irsina (Mt). A seguire la processione per le vie che circondano la Chiesa di Piazza Sant’Eufemia con la Statua e la reliquia della Santa protettrice, seguita dalla musica della Banda di Affori di Milano.

A Milano erano presenti, il Sindaco di Irsina Nicola Massimo Morea, il Presidente del Comitato Sant’Eufemia di Irsina, Clemente Garzone, il sindaco di San Giuliano Milanese Marco Segala e l’assessore Vito Nicolai,il consigliere comunale di Sassuolo Davide Capezzera e la vicepresidente del consiglio municipale 4 di Milano Rosa Pozzani.

Prima di rientrare in chiesa, ha rivolto un breve saluto alla comunità, il parroco Don Michele, che ha ringraziato tutti per la presenza e ha voluto dare i Saluti del Vescovo di Matera-Irsina Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo.

In chiesa l’intervento di Dino Trezza, per l’Associazione “Centro Culturale Sant’Eufemia” di San Giuliano Milanese:

Siamo alla ventitreesima edizione di questa festa, organizzata come sempre dal Centro Culturale Sant’Eufemia di San Giuliano Milanese. Il presidente Vito Mascolo con tutti i suoi collaboratori stanno lavorando già da tempo affinché questa ricorrenza si svolga nel migliore dei modi con tutti voi presenti che vi siete riuniti insieme a noi per venerare ancora una volta la nostra santa protettrice e, non possiamo esimerci dal ringraziare il parroco di questa chiesa Don Fabio e il consiglio pastorale che puntualmente ci danno la possibilità di ritrovarci e onorare questa santa definita la santa delle belle parole.

Come ogni anno a Milano ci ritroviamo sul sagrato e per molti è il rincontrarsi dopo tanto tempo, non nascondendo l’emozione e la gioia di rivedersi magari dopo tanti anni trascorsi dall’evento migratorio da Irsina verso altri paesi d’Italia e del mondo. A nome del presidente Vito Mascolo e del consiglio del Centro Culturale con tutti i loro soci, vorrei ringraziare il sindaco Marco Segale e l’assessore Vito Nicolai di San Giuliano. Nel pomeriggio a San Giuliano verrà siglato il gemellaggio con il comune di Irsina, un patto di amicizia tra le due comunità. Il principale filo di trait d’union tra questi due comuni è la presenza di tanti residenti a San Giuliano di origine irsinese. Gemellaggio supportato dal gruppo del Centro Culturale e che è stato accolto con fervore dai due sindaci e da tutti e due i consigli comunali. Un ringraziamento alla vice presidente del consiglio comunale Area 4 di Milano Rosa Pozzani. A settembre è stata presente anche alla festa patronale di Irsina. Grazie al sindaco di Irsina Nicola Massimo Morea che anche quest’anno non ha voluto far mancare la sua presenza. Non possiamo non ringraziare, per la loro presenza, il consigliere comunale di Sassuolo Davide  Capezzera e il gruppo di fedeli giunti da Sassuolo e il Presidente del Comitato Festa di Sant’Eufemia di Irsina Clemente Garzone. Naturalmente i ringraziamenti vanno anche a Don Michele Francabandiera in rappresentanza dei sacerdoti di Irsina e che ha officiato la Santa Messa.

Coloro che hanno avuto modo di essere presenti sabato sera a San Giuliano per la cena, organizzata dal Centro Culturale presso Luna Rossa, avranno certamente notato la presenza del gruppo musicale di Irsina A S’tèll’ il quale oltre alle musiche della nostra tradizione, ha alternato la programmazione con musiche da ballo in modo che tutti abbiano potuto divertirsi e magari farsi prendere anche un po’ dalla nostalgia. Grazie a questi ragazzi: Angelo Raffaele Favale, Luigi Cannoniere, Nicola Dillo, Angelo Diciocia, Michele Favatà Giuseppe Magro, Vincenzo Amato, che hanno accettato con entusiasmo l’invito di Vito Mascolo ad essere presenti nelle due serate e allietare tutti con la loro musica.

Il Centro Culturale Santa Eufemia con sede in San Giuliano Milanese, non mi stancherò mai di dirlo e di ricordarvelo, ha due scopi principali previsti anche nello statuto: La devozione a Santa Eufemia che stiamo venerando oggi in questa chiesa; devozione perché tutti sentiamo il richiamo di questa patrona di Irsina nostra città natale. E poi, la beneficenza. Si la beneficenza, un aiuto a persone o comunità che hanno bisogno. Questa nobile azione viene fatta devolvendo gli introiti ottenuti da diverse occasioni o eventi programmati nel corso dell’anno. Tutto ciò viene, fatto grazie alla disponibilità del gruppo che viene ripagato semplicemente dal risultato ottenuto e dalla soddisfazione di aver fatto qualcosa per il prossimo. Questo loro operato merita il nostro grazie. Un ringraziamento particolare anche alla Banda d’Affori che ci accompagna da sempre durante la processione e alla Croce Bianca. Concludo interpretando il pensiero del presidente Vito Mascolo e dei consiglio, ringraziando tutti voi che da 23 anni non fate mancare la vostra presenza in questo grande momento di devozione . Grazie! Grazie! E per coloro che non ci seguono a San Giuliano, arrivederci all’anno prossimo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *