Acquedotto Lucano approva l’ultimo bilancio della società di progettazione

L’Assemblea dei Soci che si è riunitaquesta mattina a Potenza, ha approvato all’unanimità il bilancio al 31 dicembre 2015 di Acquedotto Lucano Progettazione S.r.l., la società controllata che dal 2003 al 2015 si è occupata delle attività di progettazione e direzione lavori e che il 3 marzo scorso è già stata incorporata in Acquedotto Lucano S.p.A.. Il bilancio presenta un utile di esercizio di 302.110 euro. Ai lavori dell’Assemblea hanno preso parte il rappresentante della Regione Basilicata e i sindaci in rappresentanza del 55,21 per centodel capitale sociale di Acquedotto Lucano.
Parlando agli azionisti, l’Amministratore Unico Michele Vita ha affermato che, “il progetto di fusione ha consentito di dare seguito ad alcune importanti attività: innanzitutto l’evoluzione  del  modello  organizzativo, pensato e adottato in coerenza con le modifiche alla Statuto  societario approvate dall’Assemblea dei Soci  il 24  settembre,  che prevedono  la possibilità di nominare due  figure dirigenziali apicali, una per  l’area  amministrativa  e  l’altra  per  l’area  tecnica.  Gli incarichi affidati ai direttori di Area hanno premiato alcune delle migliori competenze presenti in Acquedotto Lucano, e allo stesso tempo rispondono all’esigenza condivisa con gli azionisti di ridurre i costi attraverso la nomina di professionalità interne”.
L’ultimo tassello del processo di riorganizzazione riguarda la nomina del dirigente Progettazione ed Energia, che dovrà occuparsi tanto del puntuale monitoraggio dei consumi e rendimenti quanto di mettere in campo le soluzioni più idonee, accostando l’azienda a tutto quanto contribuisce ad elevare l’efficienza ed il risparmio energetico. A tal fine, è stata rafforzata la collaborazione con la Società Energetica Lucana con la sottoscrizione – il 25 marzo scorso – di un ‘Accordo quadro per programmi, iniziative ed azioni comuni in campo energetico’.
“Realizzate queste operazioni – ha proseguito Vita – può aprirsi una nuova stagione di importanti investimenti attraverso i fondi rivenienti dal Patto per la Basilicata e dal Fesr 2014-2020, finalizzati ad ottimizzare il sistema idrico lucano, in particolare il trattamento dei reflui, eliminando le attuali criticità e riducendo i costi gestionali.  Saranno messi in campo, inoltre, progetti a forte carattere innovativo sulla base delle più recenti innovazioni tecnologiche.Anche per questa ragione, mi sento di poter affermare che i primi dieci mesi da Amministratore Unico sono coincisi con un periodo di operatività che ha dato seguito ad alcune decisioni importanti condivise con questa Assemblea, e che rappresentano le basi per passare dalla fase di transizione ad una di programmazione per il futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *