Adduce incontra gli ex sindaci della città di Matera

Gli ex sindaci della città di Matera entreranno a far parte del comitato d’onore aperto per la candidatura a Capitale europea della cultura 2019. La proposta, formulata dal sindaco, Salvatore Adduce, è stata accolta da Ottavio Lonigro, Michele De Ruggieri, Francesco Gallo, Alfonso Pondrandolfi, Francesco Saverio Acito, che ieri hanno partecipato all’incontro svoltosi in Municipio. Nel corso della riunione, il sindaco Adduce ha illustrato il percorso che si sta costruendo per arrivare alla candidatura di Matera a Capitale europea della cultura 2019. “La Regione Basilicata, attraverso una delibera di Giunta, ha promosso la nascita di un comitato istituzionale. Noi, con la massima condivisione della Regione, siamo andati oltre coinvolgendo anche il Comune e la Provincia di Potenza perchè guardiamo a questo obiettivo come a un traguardo per l’intera regione. Vorrei che siate parte di questo viaggio magari anche di qualche iniziativa specifica che insieme andremo a progettare.”

Il sindaco Adduce, inoltre, ha espresso la necessità che in questo percorso vengano coinvolte tutte le forze politiche e tutte le espressioni civiche. “Ogni iniziativa del Comune, sia essa culturale che di programmazione, si muove nel contesto dell’obiettivo Matera 2019”.

Ottavio Lonigro ha ringraziato il sindaco Adduce per aver mantenuto il suo impegno a collaborare con gli ex sindaci, “perché Matera è di tutti, e deve essere di tutti, a prescindere dall’appartenenza politica”. Ed ha chiesto che in questo percorso possano essere coinvolte anche associazioni come, ad esempio, il Rotary e il Lions.

Francesco Gallo ha suggerito, dal suo canto, di guardare con attenzione al percorso che portò al  concorso internazionale sui Sassi. “Una esperienza – ha detto – che può offrire utili suggerimenti”.

Francesco Saverio Acito si è soffermato, in particolare, sulla necessità che sia il Comune ad avere un ruolo centrale ed ha proposto di coinvolgere i Comuni Unesco della Puglia. “La mia parte politica – ha aggiunto Acito – mette a disposizione l’impegno sottoscritto da Berlusconi e da alcuni suoi ministri a sostenere la candidatura di Matera a capitale europea della cultura 2019”.

Michele De Ruggieri ha espresso l’auspicio di un totale coinvolgimento della comunità a partire dalle scuole, mentre Alfonso Pondrandolfi, ha sottolineato la necessità di meglio specificare le ragioni della candidatura, a partire dall’importanza che la storia millenaria dei Sassi rappresenta e da un maggior riconoscimento della sua identità culturale.

Nel tirare le conclusioni, il sindaco si è impegnato ad approfondire tutte le corpose sollecitazioni arrivate ed a farne tesoro nel prosieguo del cammino “Oltre Matera 2019”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *