Al via a Matera ed Irsina il ‘Festival delle Torri Umane’

Arriveranno anche a Matera i castiglieri di Sitges (Catalogna) per realizzare, in piazza Vittorio Veneto, una delle loro altissime e suggestive torri umane. L’iniziativa è stata illustrata stamane nel corso di una conferenza stampa, moderata dal giornalista Luigi Mazzoccoli, a cui hanno partecipato il sindaco di Matera, Salvatore Adduce, l’assessore comunale alla Cultura, Elio Bergantino, l’assessore provinciale Angelo Garbellano, l’assessore alla Cultura del Comune di Irsina, Clemente Garzone, il presidente dell’associazione Torri Umane, Leonardo Zienna e Giuseppe Amato, musicista dei Peloso Folk. La manifestazione verrà inaugurata l’8 dicembre a Irsina e dopo una parentesi a Matera il 9 con due appuntamenti (uno la mattina, alle 12, nella sala della Provincia di Matera dove il presidente, Franco Stella, e il sindaco, Salvatore Adduce, accoglieranno i castiglieri, e l’altro alle 18.30, in piazza Vittorio Veneto), si concluderà a Irsina il 10. Ricco il calendario di iniziative (in allegato) che prevede anche concerti e l’attesa inaugurazione del Santuario Madonna della Pietà. Saranno un centinaio i castiglieri che arriveranno appositamente dalla Catalogna per partecipare a questo evento finanziato nell’ambito dei Piot Matera e Collina materana.

“Abbiamo voluto portare questo evento a Matera – ha spiegato Zienna – per testimoniare la nostra vicinanza e adesione al percorso di candidatura di Matera a capitale europea della cultura 2019. Si tratta di un evento unico nel Sud Italia teso a valorizzare questa tradizione come le torri umane che l’Unesco ha voluto inserire nel patrimonio immateriale dell’umanità”.

I castiglieri alloggeranno nel centro storico di Irsina, in alcune abitazioni messe a disposizione gratuitamente dai proprietari. “Vogliamo unire in questo modo – ha detto Zienna – cultura ed economia consapevoli come siamo che solo su questa strada è possibile trovare le migliori forme per valorizzare la nostra identità e la nostra storia”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *