Al via il “Progetto Anfibi” nel Parco Appennino Lucano

Soddisfazione è stata espressa dal commissario del Parco, Domenico Totaro: “I primi dati mostrano come il territorio del Parco sia ancora sostanzialmente integro al punto da poter ospitare specie importantissime dal punto di vista conservazionistico, e confermano ancora una volta l’eccezionale valore naturalistico dell’area protetta; la presenza di personale locale impegnato nelle attività di ricerca dimostra anche che la tutela della biodiversità, obiettivo primario dell’esistenza del Parco, può creare anche occasioni di lavoro per i residenti nell’area”.
Le attività di censimento continueranno sino all’autunno prossimo e si concluderanno con la divulgazione dei dati acquisiti che potranno essere la base per ulteriori azioni di ricerca o di interventi concreti a tutela delle specie censite, dal momento che durante questa prima fase verranno anche individuate le maggiori criticità conservazionistiche delle singole specie nel territorio del Parco.
Il progetto è un primo passo per l’attuazione del protocollo di intesa sottoscritto dai Parchi Nazionali del Pollino, Appennino Lucano e Cilento Vallo di Diano (dove un analogo progetto è terminato nel 2009) con il WWF per la realizzazione di un piano di conservazione dell’area vasta formata dai territori dei tre Parchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *