Allerta al porto di Brindisi per l’innalzamento della temperatura su una nave carboniera

Una situazione di allerta vissuta ieri presso il porto di Brindisi, a causa dell’innalzamento della temperatura a bordo di una nave carboniera ormeggiata alla banchina dell’Enel a Costa Morena. La nave, Sunny Putney, battente bandiera di Singapore, aveva a bordo un carico di 60.800 tonnellate di carbone fossile destinato alla centrale termoelettrica Federico II. La Capitaneria di Porto ed i Vigili del Fuoco hanno attivato il protocollo di sicurezza previsto in questi casi e la nave è stata sottoposta a monitoraggio continuo.
“Seppur al di sotto dei limiti consentiti ed accettabili (55 gradi centigradi) – ha affermato la Guardia Costiera in una nota – le temperature sono al di sopra dei valori medi registrati dal terminal, pertanto, considerata la natura del carico di natura infiammabile con un punto di autoaccensione comunque di gran lunga superiore, si sta monitorando costantemente la situazione”. Il carbone è stato successivamente scaricato in sicurezza, sotto la supervisione della Capitaneria e dei Vigili del Fuoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *