Arrestato a Lavello (PZ): cercava reperti con il metal-detector

Stava “setacciando” il terreno con un metal-detector in cerca di reperti archeologici, a Lavello (PZ), e aveva già acquisito un piccolo “tesoretto” fatto di monete e anfore romane (datate tra il III e il IV secolo avanti Cristo), quando è stato sorpreso dai Carabinieri e denunciato alla Procura di Potenza. I particolari dell’operazione “Antica Roma” sono stati illustrati stamani, a Potenza, dal comandante della compagnia di Venosa, il capitano Vincenzo Varriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *