Arrestato pregiudicato a Taranto per furto aggravato

Aveva rubato la borsa ad un medico del Pronto Soccorso di Taranto, ma è stato fermato e denunciato dalla Polizia di Stato mentre si aggirava ancora all’interno dell’ospedale. Sabato scorso gli agenti del Commissariato Borgo hanno individuato e denunciato in stato di libertà un 45enne pregiudicato tarantino per furto aggravato. L’uomo, alcuni settimane fa si era reso responsabile del furto di una borsa ad una dottoressa in servizio presso Pronto Soccorso del locale Ospedale.
Il medico mentre era impegnata nel suo lavoro, ha ricevuto sul suo cellulare un messaggio di “Alert” dalla sua Banca per un consistente prelievo effettuato con la sua carta Bancomat. Preoccupata dal messaggio, la dottoressa ha controllato il suo armadietto personale, riscontrando purtroppo il furto della sua borsa. Gli agenti in servizio presso il posto fisso di Polizia all’interno dell’Ospedale, dopo l’immediata denuncia del medico si sono attivati, informando i colleghi del Commissariato Borgo. Questi ultimi, ricevuta la denuncia, sono arrivati quasi in tempo reale presso il bancomat indicato, con l’intento di cogliere sul fatto il ladro che purtroppo si era già dileguato. Le successive indagini, supportate dalla visione delle immagini del circuito di videosorveglianza della Banca hanno permesso di riconoscere senza ombra di dubbio l’uomo che aveva compiuto il prelievo, già noto alle Forze dell’Ordine per furti simili sempre all’interno dell’ SS. Annunziata. Sabato scorso, un agente in servizio al Posto Fisso di Polizia dell’Ospedale, ha riconosciuto e fermato l’uomo, ancora ricercato, mentre come al suo solito si aggirava con fare furtivo all’interno del nosocomio con indosso gli stessi indumenti con i quali era stato ritratto nelle immagini di videosorveglianza della Banca. Il 45enne è stato accompagnato presso gli Uffici del Commissariato dove davanti a inconfutabili indizi di colpevolezza non ha potuto far altro che ammettere le sue responsabilità in merito al furto della borsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *