Basilicata, incontro in Regione su stato attuazione programma di Garanzia Giovani

La Regione Basilicata informa che una puntuale verifica sullo stato di realizzazione del Programma Regionale di Attuazione di Garanzia Giovani si è tenuta alla presenza dell’assessore Raffaele Liberali il 14 maggio 2015 in occasione della riunione del Partenariato Economico e Sociale (PES) del  Fondo Sociale Europeo di giovedì 14 maggio. Nella riunione, è stato illustrato lo stato di avanzamento del Programma Garanzia Giovani e sono stati forniti i dati al 31 marzo ed al 13 maggio.

L’ esame dei dati di monitoraggio ha fatto rilevare che i tirocini avviati su base regionale alla data del 13 maggio sono 2.430 a fronte dei 1.800 registrati al 31 marzo e che  lo stanziamento iniziale di € 7.000.000,00 nell’ambito del Piano di Attuazione Regionale (PAR Basilicata) è  stato totalmente impegnato. Pertanto, si è reso necessario sospendere temporaneamente l’attivazione dei tirocini.

La sospensione è comunque solo temporanea in attesa che la Regione sottoscriva  con il Ministero del Lavoro e con l’INPS l’addendum alla convenzione che disciplina i tirocini extracurriculari; tale addendum consentirà, come previsto dal PAR Basilicata, di utilizzare l’ulteriore stanziamento di € 4.332.670,00 resosi disponibile a valere sui fondi del  c.d. Decreto Letta.

Nella stessa riunione, pur evidenziando le criticità che il Programma nazionale manifesta nella fase di realizzazione, sono stati illustrati tutti gli interventi promossi  nel corso dei mesi precedenti e l’impegno, in particolare, del personale dei Centri per l’Impiego per garantire il rispetto dei termini di presa in carico dei giovani aderenti al Programma.

Nei giorni scorsi, la Regione ha inoltre approvato l’Elenco degli Operatori in ATS che  concorreranno con i Centri per l’Impiego all’attuazione delle misure previste nel PAR Basilicata  che, oltre al tirocinio extra-curriculare, comprendono: l’ orientamento specialistico; la formazione mirata all’inserimento lavorativo; l’ accompagnamento al lavoro; il sostegno all’autoimpiego all’autoimprenditorialità e la mobilità professionale transnazionale e territoriale.

Il raccordo previsto tra Soggetti pubblici e privati che operano nel settore dei servizi di orientamento, formativi, di incontro tra domanda e offerta di lavoro e con altri soggetti, tra cui le Organizzazioni sindacali e datoriali, ha lo scopo di raggiungere il maggior numero possibile di giovani  e assicurare loro la fruizione dei servizi previsti dal Programma Garanzia Giovani in modo integrato ed efficace.

La riunione del PES FSE è stata utile anche per illustrare le linee guida del PO FSE 2014/2020. La Regione nelle prossime settimane sottoporrà al PES un quadro complessivo di misure organiche della nuova programmazione tra le quali strumenti per incentivare politiche attive del lavoro anche mediante lo strumento del bonus occupazionale per incentivare l’assunzione con contratto di lavoro subordinato a favore dei beneficiari di politiche attive del programma di garanzia giovani.

 “Mi dispiace constatare – ha dichiarato l’assessore Liberali –  come, nonostante il clima di grande ascolto e collaborazione che ha caratterizzato fin dall’inizio il lavoro del Partenariato del programma Garanzia Giovani, portato avanti in maniera sempre fortemente condivisa, oggi, al dialogo, si preferisca la polemica, affidando alla stampa piuttosto che ai consueti incontri istituzionali, idee e proposte, che peraltro il sottoscritto ha già a sua volta manifestato di voler intraprendere.

Garanzia giovani, strumento governativo per favorire l’inserimento ed il reinserimento lavorativo dei giovani Neet, ci vede protagonisti a livello nazionale con numeri ben al di sopra delle aspettative e con risultati concreti che potranno essere analizzati soltanto tra qualche mese, ma che paiono già interessanti alla luce della complessità del mercato del lavoro in Basilicata e non solo. A mio avviso è importante ragionare assieme sulle prospettive di occupazione post tirocinio, più che fare la corsa ad intestarsi risultati o, al contrario, screditare il lavoro e l’impegno altrui, contribuendo così ad alimentare quel clima di sfiducia che tanti giovani Lucani vivono quotidianamente sulla loro pelle”.

 Alla fine dei lavori si è deciso di tenere rapidamente una riunione specifica su Garanzia Giovani che sarà convocata nei prossimi giorni dopo la sottoscrizione della convenzione integrativa con il Ministero del Lavoro e l’Inps.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *