Bella, un convegno per la giornata finale del progetto contro il razzismo

Volge al termine la rassegna cinematografica “Dalle storie alla storia per con/Vivere insieme” promossa dal Comune di Bella nell’ambito delle iniziative a cura dell’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali per la “Settimana d’azione contro il razzismo”. Sono dodici le pellicole proiettate al Cineteatro Periz di Bella, rivolte principalmente in mattinata agli alunni delle scuole di Bella, Muro Lucano, Ruoti, Baragiano, Balvano, San Fele, Ruvo del Monte e agli studenti del Liceo Scientifico di Muro Lucano, dell’Itis di Picerno e dell’Ipsia di Pescopagano. Il progetto è stato arricchito anche dalle attività del laboratorio di scrittura creativa coordinate da Sara Lorusso, Alessandro Angiolillo e Davide Di Vito, che ha visto come protagonisti i ragazzi della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado di Bella.
Domenica 26 marzo è prevista la giornata conclusiva. Alle 17.30 presso il Cineteatro Periz sarà illustrato il lavoro prodotto nella settimana dai ragazzi “di contrasto a situazioni di discriminazione etnico-razziale, attraverso la cultura le arti e lo sport”.
In occasione dell’incontro finale, si terrà anche un convegno incentrato sul tema dell’integrazione, al quale parteciperanno la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo di Bella Carmelina Gallipoli, il dirigente scolastico del Liceo Scientifico di Muro Lucano e dell’Itis di Picerno Domenico Gravante, rappresentanti dell’associazione onlus potentina “Sefora Cardone”, Pietro Simonetti del Coordinamento Politiche Migranti e Rifugiati della Regione Basilicata, l’assessore alla Cultura del Comune di Bella Vito Leone e il sindaco del Comune di Bella Michele Celentano. E’ prevista inoltre anche la partecipazione del Viceministro dell’Interno Filippo Bubbico. Modera la coordinatrice del progetto Veronica Turiello. Arricchiranno il dibattito in sala le testimonianze di alcuni cittadini migranti, residenti a Bella ormai da anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *