Biagio Izzo a Lavello porta in scena ‘Dì che ti manda Picone’

Venerdì 26 gennaio al Teatro ‘San Mauro di Lavello’ altro imperdibile appuntamento della stagione teatrale 2017/2018. Andrà in scena Biagio Izzo con Rocío Muñoz Morales in “Di’ che ti manda Picone”, una commedia in due atti scritta da Lucio Aiello, con la regia di Giuseppe Miale Di Mauro, in omaggio alla memoria di Elvio Porta.
Nel 1984 uscì il film diretto da Nanni Loy,”Mi manda Picone”, con Giancarlo Giannini e Lina Sastri, che raccontava la storia di un operaio dell’Italsider di Bagnoli, Pasquale Picone, un “martire del lavoro” che, per protestare contro la chiusura della fabbrica, si diede fuoco nella sala consiliare del comune di Napoli sotto gli occhi della moglie e del figlio piccolo.
Quel figlio oggi è un uomo di circa 50 anni, Antonio Picone, inaffidabile e immaturo, incapace di prendersi alcuna responsabilità. La sua condizione di “figlio di” però lo rende interessante agli occhi di un politico senza scrupoli che vuole coinvolgerlo in una speculazione immobiliare. Antonio, fortemente combattuto tra la sua onestà di fondo e il “mondo di privilegi e ricchezza” a portata di mano, sta quasi  per capitolare quando Mara, sua fidanzata “storica”, scopre di essere incinta e temendo che il suo uomo e futuro padre dei suoi figli possa accettare “la proposta oscena” del politico, ordisce un piano: far credere ad Antonio che il fantasma del padre si sia materializzato in casa per esortarlo a rifiutare.
Ed è da questo confronto con l’anima del padre (o è solo un confronto con sé stesso?) che troverà la forza di crescere ed assumersi le sue responsabilità di uomo e, finalmente, di padre. In un divertente susseguirsi di colpi di scena e situazioni paradossali, il nostro eroe scoprirà di essere migliore di quanto avrebbe creduto e deciderà di utilizzare l’opportunità offertagli, in malafede, dal senatore per diventare il difensore di quelli che avrebbe dovuto sfrattare per gli interessi di una classe politica sempre più vile e corrotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *