Bradanica, ordine del giorno approvato all’unanimità

Il Consiglio Comunale di Matera riunito, alla presenza dei Sindaci di Irsina, Grassano, Miglionico, Lavello, Palazzo S. Gervasio, Ginosa, Laterza, del consigliere della Regione Basilicata Roberto Cifarelli, dei rappresentanti dei sindacati CGIL CISL UIL
Considerato che
a seguito delle ben note difficoltà dell’impresa Intini, aggiudicataria dei lavori di realizzazione del I Tronco –I Lotto in località “la Martella” S.S. 655 “BRADANICA” che hanno comportato grandi ritardi nei tempi di realizzazione dell’opera si è pervenuti al “fitto del ramo di azienda” da parte dell’impresa Aleandri;
dopo il riavvio dei lavori e la variazione di alcune opere che hanno portato all’approvazione di una perizia di variante con la quale è stata sancita la proposta della stessa impresa Aleandri di eseguire i lavori recuperando parte dei ritardi accumulati e con l’impegno ad ultimare i lavori entro il mese di ottobre 2014, la stessa Impresa faceva registrare un ingiustificato rallentamento del cantiere;
in particolare nelle ultime settimane si è registrato il blocco quasi totale dei lavori nel cantiere con ripercussioni molto negative sui lavoratori dipendenti e il paventato rischio di procrastinare sine die il completamento di un’opera strategica per la Basilicata e la Puglia, per la città di Matera e per l’intero territorio;
negli incontri convocati del Prefetto di Matera nel mese di dicembre 2014, il 30 gennaio 2015 e 23 febbraio 2015 alla presenza dei rappresentanti istituzionali, sindacali dei lavoratori, delle associazioni imprenditoriali, dell’ANAS, l’impresa Aleandri ha dichiarato l’impossibilità di riprendere i lavori in assenza di una definizione del contenzioso tra l’impresa stessa e l’ANAS;
grazie alle iniziative della Prefettura di Matera, delle istituzioni locali, a cominciare dal Comune di Matera e dei Parlamentari lucani il Presidente dell’ANAS ha prima dato una dettagliata informazione sull’argomento e poi convocato l’impresa Aleandri per discutere la questione;
Considerato
con la ripresa dei lavori il territorio potrà fruire di un primo tratto di circa 8 km già per la fine dell’estate e auspicare la conclusione dell’opera nell’arco di 12/14 mesi;
Esprime
grande preoccupazione per tale situazione in considerazione del valore strategico della S.S. Bradanica arteria che collega i territori di tre regioni, delle province di Matera, Taranto, Potenza, Bari e Foggia e che in particolare è al servizio di un territorio dove insistono attività industriali di prima grandezza come la FIAT di Melfi e si pone come una infrastruttura fondamentale in rapporto ai programmi di Matera Capitale Europea della Cultura. Interrompere i lavori di completamento del lotto in questione determinerebbe una grave strozzatura che impedirebbe al tempo stesso l’accessibilità all’intera arteria e, cosa non meno importante, al popoloso Borgo La Martella che da anni sta subendo le conseguenze dell’andamento disastroso dei lavori del cantiere
Impegna
Il Sindaco di Matera, i Sindaci presenti, il Consigliere regionale Cifarelli, gli altri rappresentanti istituzionali a porre in essere tutte le iniziative necessarie per sollecitare anche tramite i parlamentari lucani e pugliesi, i Presidenti delle Regioni Basilicata e Puglia, il Ministero delle Infrastrutture e l’ANAS quale stazione appaltante, affinché intimino l’impresa Aleandri alla ripresa immediata dei lavori per il completamento dell’opera nei tempi più rapidi possibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *