Cancellara, apertura del nuovo anno Accademico dell’Unitrè sotto il segno della fede

Venerdì 9 novembre, in occasione dell’inaugurazione del nuovo Anno Accademico dell’Unitre, S.E. l’Arcivescovo Mons. Giovanni Ricchiuti è stato ospite a Cancellara, presso la prestigiosa Sala del Teatrino, nel Convento dell’Annunziata, festosamente accolto da una numerosa platea. Al termine dei saluti e dei ringraziamenti del Presidente dell’Unitre Rosa Lioi e del prof. Rocco Saracino, Mons. Ricchiuti ispirandosi alla recente apertura dell’Anno della Fede, ne ha illustrato il significato e il valore. Proclamato dal Santo Padre Benedetto XVI, con la Lettera Apostolica Porta Fidei dell’11 ottobre 2011, l’Anno della Fede è iniziato l’11 ottobre u.s. e terminerà il 24 novembre 2013. La data di inizio è legata – come ha spiegato Mons. Ricchiuti – alla coincidenza temporale con due importanti ricorrenze che hanno segnato una svolta nella storia della Chiesa: il 50° anniversario dell’apertura del Concilio Vaticano II e il 20° anniversario della pubblicazione del Catechismo della Chiesa Cattolica. Dopo aver commentato alcuni paragrafi della Lettera Apostolica, l’Arcivescovo, citando il titolo provocatorio di un articolo: “A 50 anni dal Concilio che ne è della Fede?”, scritto da Raniero La Valle, personaggio autorevole del cattolicesimo italiano, si è ampiamente soffermato sulla profonda “crisi di fede” che sta contraddistinguendo in modo particolarmente preoccupante questo nostro tempo. L’Anno della Fede può rappresentare, dunque, l’occasione per rinvigorire una fede sempre più affievolita, attraverso la riscoperta del Credo e l’ascolto della Parola e “chi ha fede – ha esortato l’Arcivescovo – cerchi di raccontarla!”. In seguito, Mons. Ricchiuti ha annunciato una serie di eventi diocesani e rivolgendosi ai giovani, ha proposto loro alcune iniziative, invitandoli ad essere “missionari della fede”. Prima di congedarsi, si è intrattenuto in una conviviale conversazione con i soci dell’Unitre, ai quali ha augurato un “buon Anno della Fede!”.

Franca Caputo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *