Club Med, incontro in Prefettura a Matera

Una folta delegazione di lavoratori unitamente alla delegazione della Ugl, rappresentato dal Segretario provinciale di Matera, Luigi D’Amico e Domenico Timpone, ha partecipato all’importante incontro tenutosi presso la Prefettura per affrontare la delicata vicenda del Villaggio Turistico ex Club Med di Marina di Pisticci. E’ quanto si evince in una nota della Ugl, nella quale si fa rilevare che all’incontro presieduto dal Capo di Gabinetto della Prefettura, nonché Commissario del Comune di Pisticci, Francesco D’Alessio, erano presenti anche il Presidente della Provincia di Matera, Franco Stella, l’Amministratore Delegato di Italia Turismo, De Romedis, oltre all’imprenditore Nicola Benedetto in qualità di legale rappresentante della Società Palazzo Gattini srl di Matera la quale ha già preannunciato nei giorni scorsi di essere seriamente interessata a rilevare le attività del Villaggio ex Club Med presentando formale proposta contrattuale ad Italia Turismo il 28 febbraio scorso. D’Amico nel suo intervento ha fatto presente che sin dall’anno scorso la Ugl aveva rappresentato ai tavoli istituzionali Comune di Pisticci, Provincia e Prefettura, della necessità di dover dare risposte alla ventilata ipotesi di non attivare l’attività turistica per l’anno in corso pregiudicando ben 144 posti di lavoro, di cui ben 140 lavoratori con la impossibilità a poter godere di ammortizzatori sociali possessori essi di rapporto di lavoro precario e/o stagionali non sufficienti per poter avere forme di paracadute assistenziale previsti dalle vigenti norme di legge.

“Era assente la Regione Basilicata – evidenzia Luigi D’Amico – peccato, perchè in qualche modo poteva dare risposte dal punto di vista degli ammortizzatori sociali, dato che ‘Italia Turismo’ aveva garantito di fare investimenti per 10 milioni di euro finalizzati alla riqualificazione delle strutture del Villaggio turistico, cucina e stanze in primis”. Nella nota si fa presente che l’imprenditore Nicola Benedetto ha anche manifestato ad Italia Turismo la volontà a rilevare la gestione del Villaggio turistico già dalla stagione in corso ed ha chiesto di poter intavolare da subito un confronto che l’Amministratore Delegato De Romedis ha accettato di fare. Esiste, comunque, un problema legato all’ambiente ed all’inquinamento provocato dal fiume Cavone che pone seri problemi di rispetto delle norme igienico sanitarie e quindi si impone la inderogabile necessità, afferma D’Amico, di dover investire la Regione Basilicata anche per questo problema necessariamente e definitivamente per essere risolto se si vuol garantire un futuro al Villaggio Turistico ex Club Med. Si è pertanto deciso di chiedere con urgenza di attivare un tavolo con la regione Basilicata, con il Ministero del Lavoro e su questo lo farà con la solita sensibilità la Prefettura, con l’auspicio che si possa garantire un salario diretto o indiretto ai 144 lavoratori interessati, la soluzione dei problemi ambientali ed igienico sanitari del Villaggio, del fiume Cavone e quindi garantire una continuità dell’attività turistica, magari anche da quest’anno, per non disperdere un patrimonio importante del turismo jonico rappresentato dal Villaggio ex Club Med di Marina di Pisticci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *