Concerto a ritmo di Armonie Dissonanti

Un successo inaspettato. Sembra proprio che la buona stella abbia guidato la nascita della nuova realtà culturale, che durante il concerto di inaugurazione offerto gratuitamente alla cittadinanza, ha registrato di fatto un tutto esaurito. Infatti con grande sorpresa degli organizzatori, quello che avrebbe dovuto essere un appuntamento locale, musicale e di intrattenimento, si rivelato un concerto in grado di attirare pubblico, anche da  comuni limitrofi, come Grottole, Ferrandina e qualcuno anche da più lontano come Irsina e Genzano di Lucania. La Jazzotti Orchestra, con un repertorio che ha spaziato dalle sonorità swing, latin jazz, ai canti natalizi tradizionali tutti rigorosamente rivisitati, ha intrattenuto, divertito e coinvolto totalmente il pubblico che ha affollato la Chiesa del Convento di Sant’Antonio, esaurendo anche i posti inpiedi, per oltre due di concerto. Il direttore dell’ochestra, il M° Domenico Zotti, emozionatissimo per l’esordio,  ha vissuto il concerto con la stessa emozione “della prima volta” difronte il pubblico. Carta vincente , oltre al repertorio, per la serata che ha trasformato un concerto in un evento a pieno titolo, le veloci incursioni del Maestro che ha scherzato con il pubblico così come i musicisti, annullando le distanze tra esecutori e spettatori e fondendo il tutto in un unica serata all’insegna della buona musica e divertimento.

Note su Armonie Dissonanti

La nuova realtà ssociativa nata a Salandra, Armonie Dissonanti, ha inaugurato la nascita e il nuovo anno, con un concerto gratuito, eseguito dalla Jazzotti Orchestra.
La Big Band tenuta a battesimo proprio dal piccolo centro collinare, che ha seguito tutte le fasi da semplice desiderio di alcuni musicisti a realtoperativa, la figlia diretta dell’associazione Armonie Dissonanti, che al suo attivo vanta tra di loro non solo musicisti, ma esperti professionisti in diversi settori. La scelta della location non casuale o legata semplicemente ad un comodità “vicino casa” della maggio parte dei soci fondatori, ma alla precisa volontà dell’Associazione di valorizzare le professionalità e il territorio dell’hinterland materano, una preziosa risorsa che spesso viene eclissata dai capoluoghi e dalla fascia jonica. Altri progetti in cantiere per il 2011, riguarderanno il pieno coinvolgimento delle fasce più deboli e svantaggiate in percorsi di inclusione sociale attraverso le varie espressioni artistiche, la promozione delle tradizioni del territorio e dare spazio ai giovani quale fonte inesauribile di una visione della cultura capace di coniugare antico e moderno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *