Consulenze lucane, errore di trascrizione ha portato a dato abnorme della CorteConti

In merito alle notizie diffuse oggi da alcune testate circa presunti sprechi che sarebbero stati accertati dalla Corte dei Conti per incarichi e consulenze in Basilicata con condanne per 1.657.349 euro, si precisa che si tratta di un dato errato a causa di un errore di trascrizione e che, comunque, nessuna delle condanne riguarda la Regione Basilicata. In realtà il malinteso nasce dall’unica sentenza di condanna per incarichi relativi alla ricostruzione del dopo terremoto che nella relazione veniva indicata con un importo di 1.246.336 euro, mentre in realtà, come risulta dalla sentenza stessa (la sentenza 59/2011) ha previsto condanne per 124.336 euro. Insomma, nei passaggi di dati è scappata una cifra in più facendo venir fuori un dato abnorme che i mezzi di informazione hanno legittimamente riportato. Per il resto, appare opportuno precisare che comunque nessuna condanna riguarda l’ente Regione Basilicata, mentre una sola di queste riguarda un ente sub-regionale, per un importo inferiore ai 2mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *