Convegno dei dottori agronomi e forestali sulla previdenza

Venerdì 24 giugno alle ore 17 presso la Sala Consiliare della Provincia di Matera si è tenuto il convegno dal titolo “Libera professione, previdenza, deontologia e assistenza” organizzato dalla Federazione Regionale degli Ordini dei dottori Agronomi e dottori Forestali di Basilicata in Collaborazione con l’Ente di Previdenza Pluricategoriale (EPAP), gli Ordini di Potenza e Matera e la Provincia di Matera. Dopo l’introduzione del Presidente della Provincia Franco Stella e i saluti del Senatore Filippo Bubbico e dell’Assessore provinciale all’Agricoltura Angelo Garbellano, i lavori hanno messo in evidenza l’importanza della previdenza all’interno delle categorie professionali. Sono seguiti gli interventi del Presidente della Federazione Regionale degli Ordini dei dottori Agronomi e Forestali di Basilicata Carmine Cocca che ha chiesto all’EPAP di attivarsi per garantire degli sportelli informativi presso gli Ordini territoriali sottolineando che la categoria viaggia con due livelli di reddito differenti riconducibili ai professionisti più affermati, che lavorano da parecchi anni e che potranno giustamente avere garanzie di pensioni piuttosto sicure, e i giovani laureati che invece, non riuscendo ad ottenere un lavoro continuo, potrebbero incontrare difficoltà proprio nell’età avanzata quando è necessaria una garanzia previdenziale. Sono seguiti gli interventi dei rappresentanti dell’EPAP, il Presidente Arcangelo Pirrello e il Vicepresidente Oronzo Milillo che hanno rassicurato la categoria spiegando accuratamente il metodo utilizzato dalle casse di previdenza e hanno affermato che stanno lavorando per migliorare un sistema che deve diventare una vera e propria risorsa per i professionisti. La serata si è conclusa con la premiazione degli iscritti che hanno raggiunto i venticinque anni di iscrizione all’Ordine Cosmo Damiano Giorlamo, Italo Blotti, Ermanno Pennacchio, Salvatore Carone e Angelo Raffaele Fortunato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *