In corso di svolgimento il modulo formativo “Supporto al Piano Regionale Ispezioni AIA” presso la sede dell’Arpab

Si sta svolgendo in questi giorni, nella sede centrale dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente di Basilicata, il modulo formativo “Supporto al Piano Regionale Ispezioni AIA” (Autorizzazione Integrata Ambientale)
in collaborazione con Arpa Lombardia. Il modulo rientra nella scheda P4 del Masterplan, il Piano industriale di rilancio dell’Agenzia. Le lezioni sono tenute in videoconferenza proprio da personale dell’Arpa Lombardia quale la dott.ssa Maria Teresa Cazzaniga, Direttore Settore Attività Produttive e Controlli e dai suoi collaboratori.
La giornata di ieri si è aperta con una introduzione alla normativa di riferimento  comunitaria (i punti salienti della direttiva IED) e italiana (D.Lgs. n.46/2014 sulla applicazione degli obblighi comunitari nella normativa nazionale), discutendo poi sulle attività soggette ad Autorizzazione Integrata Ambientale, sui suoi contenuti e, tra  le altre, sulla pubblicazione dei dati e sull’accesso agli atti nel rapporto con il pubblico “interessato”.
Ieri mattina la disamina dei valori limite e delle prescrizioni riguardanti le emissioni in atmosfera,  le emissioni idriche e i  rifiuti, con espliciti riferimenti normativi a casi pratici. Ieri pomeriggio, invece, si è affrontata la tematica riguardante l’architettura generale  e la gestione di alcuni software di supporto alla tematica.
Stamane la giornata sarà divisa nuovamente in due sessioni, in mattinata si discuterà dei valori limite e delle prescrizioni riguardanti le materie prime, i consumi idrici ed energetici, il suolo, le  acque sotterranee ed il rumore sempre con espliciti riferimenti normativi a casi pratici. Si affronterà, inoltre,  il tema del  piano di monitoraggio e controllo.
A conclusione della tre giorni, nel  pomeriggio, si parlerà del ruolo delle Arpa sulle Autorizzazioni Integrate Ambientali, in particolare sulla pianificazione dei controlli e sulla  tipologia degli stessi e si esamineranno le sanzioni che si stabiliscono in seguito a eventuali illeciti amministrativi e  penali. Lo rende noto l’Arpab.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *