Credito, lunedì 2 luglio sciopero di 8 ore in Intesa San Paolo

Otto ore di sciopero nelle banche del gruppo Intesa Sanpaolo il prossimo 2 luglio. Lo hanno deciso i sindacati di categoria Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Sinfub, Ugl e Uilca per protestare contro il rischio di ulteriori tagli agli sportelli e al personale del gruppo bancario. Per i lavoratori turnisti lo sciopero è proclamato per tutta la durata del turno che inizia nella giornata del 2 luglio. È proclamato anche lo sciopero del lavoro supplementare e straordinario per le giornate del 30 giugno e del 1° luglio. Per i lavoratori che hanno un’articolazione di orario di lavoro da martedì a sabato lo sciopero è proclamato per l’intera giornata del 30 giugno.

A preoccupare il segretario regionale della Fiba Cisl e responsabile dei rapporti con Intesa Sanpaolo per la Basilicata, Teodosio De Martino, è la riduzione della voce “costo del lavoro” per una cifra pari a 250 milioni di euro. “Dentro la fredda contabilità dei numeri ci sono sportelli che rischiano la chiusura e posti di lavoro che rischiano di saltare”, mette in guardia De Martino, che invita l’azienda a fare marcia indietro nel merito e nel metodo. “Siamo consapevoli della crisi che sta investendo il settore del credito ma questa non può essere adoperata come alibi per giustificare ulteriori spoliazioni a danno di un territorio già fortemente penalizzato come la Basilicata in termini di accesso al credito”.

Secondo il segretario della Fiba “il ricorso allo sciopero è una medicina necessaria per convincere l’azienda a rivedere le proprie posizioni e a ripristinare un clima di dialogo con le organizzazioni sindacali. Intesa Sanpaolo deve comprendere che i risparmi non possono essere fatti sulla pelle dei lavoratori e delle lavoratrici e che i diritti acquisiti sono materia indisponibile”. Nei prossimi giorni i sindacati di categoria terranno assemblee nei luoghi di lavoro per illustrare ai dipendenti di Intesa Sanpaolo la piattaforma rivendicativa alla base dello sciopero.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *