Crollo a Marsiglia: la trentenne tarantina è stata ritrovata morta tra le macerie

Si spegne la speranza per Simona Carpignano, la trentenne tarantina poliglotta e pluridiplomata, impegnata per un mondo più equo e solidale, travolta dal crollo della palazzina in cui abitava nel cuore di Marsiglia. A dare notizia della tragica scomparsa della giovane, dopo tre giorni di angoscia, sono stati alcuni post del gruppo “Italiani a Marsiglia” su Facebook: «E’ stato trovato il corpo di Simona. L’hanno vista purtroppo. L’attesa dei genitori, della famiglia, degli amici è finita: Simona Carpignano è stata ritrovata senza vita sotto le macerie».

Sono sei le vittime accertate finora, mentre potrebbero esserci ancora due dispersi sotto le macerie. Poco prima, in conferenza stampa, il procuratore Xavier Tarabeux, aveva annunciato l’identificazione di tre delle vittime rinvenute finora dai soccorritori: due donne e un uomo, tutti residenti nel palazzo. Ma il magistrato ha evitato di fornire le loro identità «per doveroso rispetto alle famiglie», incluso i genitori di Simona, giunti già da due giorni a Marsiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *