Economia Circolare, una sfida dai numeri sempre più importanti

In Italia vale 88 miliardi di fatturato, l’1,5 del valore aggiunto della produzione nazionale e dà impiego a oltre 575mila lavoratori. Quello dell’economia circolare è un settore che si va affermando sempre più, con performance particolarmente positive del nostro Paese. Negli ultimi anni, infatti,  sia la società che l’imprenditoria italiana stanno acquisendo sempre più la consapevolezza che per uno sviluppo economico sostenibile sia necessario ricorrere a modalità che guardino simultaneamente all’aspetto tecnologico, all’aumento di produttività e a un uso più efficiente delle risorse di cui si può disporre.
Per tale motivo Confindustria ha avviato su tutto il territorio nazionale il roadshow “Management e imprese alla sfida dell’economia circolare”, che lunedì 10 dicembre farà tappa a Potenza. L’iniziativa che si svolgerà presso la sede di Potenza di Confindustria Basilicata (Via Di Giura – Centro Direzionale), a partire dalle ore 14, è finalizzata allʼinformazione, lʼaggiornamento e la condivisione di esperienze e buone prassi, rivolta alle imprese e al management, attraverso azioni mirate che puntano a far emergere le opportunità legate al modello economico circolare, ad attivare dinamiche di knowledge-sharing ed a diffondere le best practice disponibili nel Paese.
Il programma dei lavori prevede, dopo i saluti del presidente vicario di Confindustria Basilicata, Vito Arcasensa, gli interventi di: Caterina Mancusi, dell’Area Politiche Industriali di Confindustria;  Francesco Testa, professore associato di Management della Sostenibilità e vice direttore Istituto di Management, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa; Carolina Iannella, ricercatrice Enea; Lucia Pace di RetImpresa, Confindustria. Sarà presente anche un referente del Ministero dell’Ambiente e/o dello Sviluppo economico che relazionerà sul tema delle azioni del Governo a supporto dell’economia circolare. Verranno anche presentanti dei casi aziendali lucani che realizzano economia circolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *