Emergenza abitativa, il sindaco di Foggia incontra l’assessore regionale Pisicchio

“L’incontro dedicato all’emergenza abitativa nella città di Foggia, tenuto in Regione questa mattina, ha fatto registrare alcuni importanti passi in avanti circa la volontà del governo regionale di fornire risposte immediatamente operative ad una situazione che ha ormai assunto proporzioni drammatiche. Nel lungo confronto con l’assessore regionale con delega all’Urbanistica, Alfonso Pisicchio, è infatti emersa una positiva convergenza, in particolare rispetto alla proposta di rimodulazione del Piano di Riqualificazione di via Lucera che ho avanzato nelle scorse settimane”. Ha parlato così Franco Landella, sindaco di Foggia, dopo l’incontro con l’assessore regionale all’Urbanistica, Alfonso Pisicchio.
“L’assessore Pisicchio ha espresso la propria condivisione politica rispetto a questa opzione e la prossima settimana sarà insediato un tavolo di lavoro attraverso cui i tecnici di Comune, Regione ed Arca Capitanata ne verificheranno la fattibilità giuridica. Come si ricorderà, l’ipotesi di rimodulazione del Piano di Riqualificazione di via Lucera è quella di un rinvio, temporaneo e parziale, dell’abbattimento degli immobili, al fine di favorire il loro utilizzo per i nuclei familiari attualmente in condizioni di grave difficoltà e degrado igienico-sanitario. – continua il primo cittadino foggiano – Nello specifico, la proposta è quella di rimodulare il Piano di Riqualificazione in modo da recuperare un numero di appartamenti temporanei sufficiente a fornire una prima risposta all’emergenza in cui versano centinaia di famiglie foggiane, che troverebbero una temporanea sistemazione negli alloggi – le cui assegnazioni avverrebbero previa stringente verifica del possesso dei requisiti – di cui verrebbe rinviato l’abbattimento fino al loro trasferimento nei 150 appartamenti in zona Ente Fiera, la cui materiale realizzazione è stata annunciata dall’assessore Pisicchio in un arco di tempo ci circa 2 anni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *