Energia, al via la formazione territoriale per i consumatori

Si terrà oggi alle 16, nella sala Ugo Bianchi della Cisl regionale, in Via del Gallitello 56, a Potenza, il primo di un ciclo di incontri formativi sul mercato elettrico e del gas messo a punto dall’Adiconsum nell’ambito di un progetto nazionale sostenuto dal ministero dello Sviluppo economico e dal Consiglio nazionale dei consumatori e utenti. L’obiettivo è trasferire ai cittadini, in particolare alla clientela domestica, le conoscenze necessarie per utilizzare al meglio le opportunità offerte dalla liberalizzazione del mercato elettrico e del gas. Il corso sarà tenuto da due esperti del settore: Vincenzo Telesca, presidente provinciale di Adiconsum, e Anna Michela Martone.

Si discuterà, in particolare, delle diverse tipologie di contratti (mercato libero, tutelato, a fasce orarie), della gestione dei reclami e delle procedure extragiudiziali per la soluzione delle controversie, di come comportarsi in caso di attivazione di un contratto non richiesto, etc. Ogni incontro sarà introdotto dalla proiezione di slide contenenti la presentazione degli argomenti trattati e prevede il coinvolgimento attivo del pubblico nella discussione.

La liberalizzazione accanto a indubbi vantaggi, ha portato ai clienti domestici anche alcune criticità, che occorre superare affinché i benefici effetti della maggiore concorrenza possano coinvolgere appieno anche le famiglie. Nonostante gli interventi regolamentari e sanzionatori dell’Autorità per l’energia, infatti, si registrano ancora numerosi comportamenti commerciali scorretti, contratti non richiesti, reclami per doppie fatturazioni in caso di cambio di fornitore, bollette stimate (specialmente nel settore gas) con consumi eccessivi e anomali, insieme alle difficoltà che l’utente è costretto ad affrontare nel passaggio da un operatore all’altro. Accanto ai disagi ascrivibili ai comportamenti delle società energetiche, i clienti domestici trovano difficoltà ad affrontare anche questioni molto semplici, come la comprensione delle bollette, l’ottenimento dei bonus sociali, la tariffa bi-oraria e, più in generale, l’accesso alle informazioni sui servizi di fornitura.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *