Esercizi pubblici di Tito esentati dalla Tar se disinstallano gli apparecchi da gioco d’azzardo

Gli esercizi pubblici di Tito potranno essere esentati dal pagamento della Tassa sui rifiuti disinstallando “apparecchi di video poker, slot machine, videolottery o altri apparecchi con vincita in denaro, installati nei propri locali”.
Lo ha deciso il Consiglio comunale con una delibera, anche in relazione al fatto che nel solo 2018 – è scritto in una nota – sono stati giocati a Tito circa 8,5 milioni di euro. Per ottenere l’esenzione, la disinstallazione deve essere intervenuta a partire dall’annualità 2020, e sarà riconosciuta per i tre anni successivi, a partire dal 2021.
“Dobbiamo promuovere – ha detto il sindaco di Tito, Graziano Scavone – azioni efficaci per contrastare il fenomeno della ludopatia, una piaga sociale per tanti cittadini e per le loro famiglie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *