Ex Cementi Lucania, il futuro a rischio

“Il futuro di 51 lavoratori dell’ex Cementi della Lucania è appeso a un concordato preventivo che non arriva mai a causa dei tempi biblici della giustizia italiana, e dei conflitti all’interno della compagine societaria”. E’ quanto è emerso nel corso di un incontro sulla vertenza a cui hanno partecipato i segretari lucani di Filca-Cisl, Fillea-Cgil e Feneal-Uil, Michele La Torre, Enzo Iacovino e Carmine Lombardi. “Alcuni lavoratori hanno già esaurito il periodo della mobilità, altri perderanno l’ammortizzatore sociale entro il 2017, la restante parte entro il 2018”. (Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *