Foggia, agente penitenziario aggredito con un pugno alla tempia

Ennesimo episodio di cronaca registrato in un carcere pugliese. Un detenuto maliano di 27 anni ha colpito un agente penitenziario con un pugno alla tempia, durante il trasferimento da un ambiente all’altro del carcere di Foggia. La denuncia è arrivata dal segretario nazionale del Sappe, Federico Pilagatti. Il giovane, mentre veniva accompagnato nella propria stanza, senza alcun motivo, ha sferrato un pugno alla tempia del poliziotto, facendolo cadere per terra.
Portato al Pronto Soccorso, il poliziotto è stato giudicato guaribile in 7 giorni, sottoposto però ad ulteriori accertamenti alla testa. “Il Sappe, con l’aiuto del proprio studio legale, sta approntando delle cause di risarcimento contro l’amministrazione penitenziaria poiché non viene più garantita sicurezza ai poliziotti con conseguenze gravi sulla loro incolumità. – ha spiegato Pilagotti – Torniamo denunciare la cronica carenza di personale di polizia penitenziaria che a Foggia supera almeno le 70 unità. Il Sappe chiede nuovamente che anche ai poliziotti penitenziari, così come alle forze dell’ordine, vengano date in dotazioni gli spray urticanti o i ‘taser’ (le pistole elettriche) sia come deterrente, sia per potersi difendere dalle aggressioni sempre più numerose e violente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *