Giannizzari chiede al comune di Potenza di partecipare ai prossimi bandi sui rifiuti

Il capogruppo del Movimento Cinque Stelle, Savino Giannizzari invita l’Amministrazione comunale a partecipare a nuovi bandi di recente pubblicazione, in particolar modo a tre nuove proposte relative ai rifiuti pubblicati dal ministero dell’Ambiente in scadenza a settembre 2018. Le domande possono essere presentate a partire dal 30 giugno 2018:
– Bando per lo sviluppo di tecnologie per il recupero di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche: finanzia progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale finalizzati allo sviluppo di nuove tecnologie per la prevenzione, il recupero, il riciclaggio ed il trattamento dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). Possono partecipare  organismi di ricerca singoli o associati, anche in forma temporanea, con altri soggetti pubblici o privati operanti nella filiera di gestione dei RAEE compresi gli enti pubblici.
Bando per progetti di ricerca dedicati a rifiuti non serviti da filiera di gestione: progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale finalizzati ad incentivare l’ecodesign dei prodotti e la corretta gestione dei relativi rifiuti per: rifiuti urbani pericolosi (RUP), come: vernici, farmaci scaduti, cartucce d’inchiostro e toner, ecc.; rifiuti da prodotti igienici assorbenti, anche provenienti da utenze speciali, quali ad esempio case di cura, ospedali, ecc.; altri rifiuti da beni usa e getta, come ad esempio: pennarelli, CD, accendini, rasoi, mozziconi di sigaretta, ecc. rifiuti costituiti da plastiche dure non da imballaggio, come ad esempio: giocattoli, utensili, ecc.

Possono partecipare  organismi di ricerca singoli o associati, anche in forma temporanea, con altri soggetti pubblici o privati compresi gli enti pubblici.
– Bando per progetti finalizzati alla riduzione dei rifiuti alimentari attraverso azioni di solidarietà sociale: il bando cofinanzia  progetti integrati per la gestione: approvvigionamento, trasporto, stoccaggio, conservazione, preparazione e distribuzione delle eccedenze alimentari che prevedono l’acquisto di attrezzature strumentali specifiche, al fine di contribuire alla riduzione della produzione dei rifiuti alimentari attraverso azioni volte alla solidarietà sociale.
Per quanto concerne l’ambito culturale, segnala la presenza del Bando Creative Living Lab, un’opportunità per la nostra comunità finalizzata alla realizzazione di progetti innovativi di qualità in ambito culturale e creativo orientati alla rigenerazione e/o alla trasformazione di spazi interstiziali, aree o edifici abbandonati o dismessi e zone di verde non curate. Possono partecipare soggetti pubblici o privati senza scopo di lucro quali: associazioni, fondazioni, organizzazioni, comitati, costituiti in qualsiasi forma giuridica, che operano in campo culturale  e in collaborazione con enti pubblici. Il consigliere, inoltre, chiede di essere messo a conoscenza di eventuali provvedimenti adottati dall’Amministrazione in merito al Bando WIFI.EU dedicato ai Comuni che la commissione ha annullato. Il bando verrà riproposto in autunno ma nel frattempo la registrazione iniziale dei comuni risulta ancora valida.
Nonostante il fiume di denaro derivante dai fondi europei indirizzatie alle regioni, la prima scadenza è quella del 31 luglio, termine entro il quale la Regione Basilicata dovrebbe rendicontare la gran parte di quei 307 milioni e 400 mila euro di Fondi comunitari destinati alla voce disimpegno nell’eventualità che non siano spesi entro la fine dell’anno.
Tutti questi dati ci riportano all’ad attenzionare la Citta’ capoluogo di regione, esposta ad un ingiustificabile ritardo non più ammissibile,  sia perché coinvolta in un compito diverso da quello che dovrebbe realmente svolgere, sia perché sconta la mancanza di un assessore alla programmazione e la difficolta’ atavica dell’ufficio programmazione nel dotarsi di strumenti idonei alla captazione dei numerosi Bandi Europei.
L’obiettivo era e resta accelerare, ma è chiaro che l’attuazione non è mai facile e ciò, che verrà fuori dalle urne di novembre, insieme al riflesso elettorale  delle politiche che si profilano a breve, ci dirà chi condurrà questa barca in porto. Il M5 Stelle di Potenza , ma allo stesso modo quello regionale, hanno acceso un faro nella regione, auspicando, che i Lucani sappiano orientarsi bene questa volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *