Gli scolari dell’Istituto Comprensivo “G. Pascoli” di Matera all’ufficio postale Matera Città per spedire i loro messaggi

Anche quest’anno i “postini” di Babbo Natale di Matera sono già al lavoro per raccogliere tutte le letterine che i bambini scrivono all’amato Santa Claus. Sogni, desideri e speranze affidati a messaggi di carta sono stati spediti presso l’ufficio postale Matera Città da scolari dell’Istituto Comprensivo “Giovanni Pascoli” accompagnati dalle insegnanti Betty Verrascina, Antonella Carone e Sara Adorisio e, per Poste Italiane, dalla Responsabile Commerciale Monica D’Acuti e dalla specialista Filomena Bocchetta. Ogni anno Poste Italiane riceve e smista migliaia di letterine che i bambini indirizzano a Babbo Natale con i più svariati indirizzi di fantasia, assicurando una risposta personalizzata. Il fascino e la gioia di una tradizione antica si rinnovano così ad ogni Natale grazie al crescente entusiasmo dei più piccoli, testimoniato anche dal numero sempre più elevato di letterine spedite. La lettera infatti continua a rappresentare per piccoli e adulti uno dei momenti più belli della tradizione natalizia, che Poste Italiane sostiene promuovendo il piacere della scrittura.
Quest’anno tutti i bambini di Matera che hanno spedito una letterina riceveranno in dono da Poste Italiane l’accesso al magico “Pianeta degli Alberi di Natale”: grazie ad un’apposita App realizzata da Poste Italiane, i bimbi potranno “curare” la crescita di un albero virtuale e addobbarlo con colorate decorazioni natalizie. Ogni albero virtuale contribuirà alla messa a dimora di un albero vero. A partire dal 2015, infatti, Poste Italiane e Legambiente provvederanno ad un’opera di rimboschimento piantando 500 abeti in varie regioni d’Italia colpite da calamità naturali. I bambini potranno poi informarsi in tempo reale sui risultati della loro attività di custodi dell’ambiente visitando una speciale sezione del sito www.poste.it che li aggiornerà sul numero di alberi piantati virtualmente e sui crediti guadagnati per piantare abeti veri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *