“Il Canto del Pane”

CASA CAVA – San Pietro Barisano MATERA – 31 LUGLIO
porta ore 20.30 • inizio ore 21.00
uno spettacolo di teatro contemporaneo in prima esecuzione di ARTErìa Associazione d’Arte e Cultura
Testo Dario Carmentano
Regia Angela De Gaetano
Attori Nando Irene, Anna Rosa Matera, Giovanna Staffieri
Musiche Loredana Paolicelli
Arrangiamenti Nucleo Theatrón Ensemble
Grafica Dario Carmentano • Stampa La Stamperia Liantonio Matera
Sponsor Ufficiale
Uno spettacolo di teatro contemporaneo organizzato da ARTErìa Associazione d’Arte e Cultura – Matera, nell’ambito del Festival dei Paesaggi del Grano in partenariato con: Studio Risorse srl – Matera; Apposta di Paolicelli Francesco Piero M. – Lecce; Agribiotecnica Vivai Dichio dei F.lli Dichio – Matera; Le Troisieme Pole – Parigi; Foundation Freedom From Fears – Sofia.
Sponsor Ufficiale: Consorzio per la tutela del Pane di Matera IGP
“Secoli or sono, s’ebbe una storia bella e pura che per la particolarità ancor’oggi se ne sente dire. Fu una fanciulla orfana di padre e di nome Bella, che di voce in voce portò a nostra conoscenza l’avventura sua. Per l’affanno di sua madre, rimasta vedova e di ricchezze priva, Bellina, ancora infante, dové prendere cura della dimora sua. L’impegno e la pulizia per Bellina erano cose sante, ed in fretta imparò ogni faccenda così che si ingraziò le lodi delle vicine sue.
Ella amava assai, più di ogni altra cosa trombare (impastare) il Pane, sì ch’ella otteneva un pane assai migliore anche di quelle donne che per tal motivo erano assai stimate. Chi diceva che era per l’antico lievito che da generazioni nella sua famiglia non era stato spento… Altri pensarono ad un intervento dell’anima di suo padre o a qualche altro affare. Sta di fatto che la curiosità rimase viva…” Dario Carmentano

“Ho scelto di affidare il testo della favola a tre attori e di rendere corale questa narrazione per far emergere con chiarezza la voce potente di una comunità intera, che sente la necessità di raccontare se stessa attraverso un’antica tradizione. Dopo il prologo, gli attori accompagnano lo spettatore nelle delicate atmosfere di una favola suggestiva, legata alla bontà del pane di Matera. Ho progettato la costruzione dello spettacolo attraverso una matrice fisica ed emotiva. Sono partita dai corpi degli attori in scena, mettendoli nelle condizioni di danzare tra i personaggi e di lasciarsi attraversare dal fluire delle parole, come in un canto polifonico ebbro di infinito, che esplode nel legame carnale con la terra. Ho voluto creare una visione in cui sensualità e spiritualità si fondono in un abbraccio. Un inno alla vita, all’autenticità. Un omaggio a Matera e alla sua gente.” Angela De Gaetano
Arrangiamenti ed interpretazioni
Nucleo Theatrón Ensemble:
Vincenzo Abbracciante fisarmonica
Michele Ciccimarra percussioni, effetti e batteria
Marco Cornacchia contrabbasso
Mario Di Marzio violino e viola
Milena Orlandi voce
Loredana Paolicelli pianoforte
Vito Soranno clarinetto
Costumi Marilena Girardi
Luci Franz Catacchio
Audio Angelo Cannarile
Soluzioni Web e Mobile Apposta
Segreteria Grazia Lascaro, Grazia Scialpi
Segreteria Amministrativa Monica Miglionico
Coordinamento e Comunicazione Maria Piera Sarra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *