Il Movimento ‘Per il bene comune’ contro la giunta Melfi

La maggioranza del Sindaco Melfi nell’ultimo consiglio comunale, tenutosi il 28 ottobre u.s., ha puntualmente fatto ricorso ad atteggiamenti antidemocratici e di mancato rispetto delle opposizioni pur avendo queste assunto un comportamento di responsabilità permettendo con la loro presenza che si potesse effettuare il consiglio comunale considerato che la maggioranza non aveva i numeri per avviare i lavori di un consiglio straordinario ed urgente.

Il secondo punto all’ordine del giorno riguardava il conferimento nella discarica di contrada Foresta dei rifiuti provenienti dal bacino di utenza di Potenza, di iniziative urgenti sull’emergenza rifiuti e di eventuali determinazioni.

Ha aperto i lavori il vicesindaco illustrando i passi fatti dall’Amministrazione Comunale in merito alla questione discarica riferendo su alcuni incontri avuti con l’assessore regionale Mancusi e con i funzionari del dipartimento ambiente ed informando i cittadini presenti ed i consiglieri comunali che da due settimane alcuni cittadini di Tricarico stanno impedendo il conferimento in discarica dei camion di Potenza.

Il movimento per il Bene Comune ha fatto presente le seguenti osservazioni:

a. solo a scadenza delle ordinanze del Presidente della Giunta Regionale, le Amministrazioni Comunali di Tricarico si accorgono dell’esistenza di tale problema;

b. che alla richiesta di ampliamento della discarica fatta dal gestore nel luglio scorso solo il Bene Comune ha fatto opposizione rilevando alcune irregolarità sulla realizzazione della vasca n. 3;

c. che il vicesindaco ha richiesto alla Regione Basilicata la possibilità di realizzare una discarica comunale ed ha presentato un “progetto” di raccolta differenziata che, parole del Sindaco, è un progetto sintetico;

d. in conclusione, ha espresso la totale contrarietà all’ipotesi di realizzare una nuova discarica comunale, ha proposto di richiedere alla Regione Basilicata un congruo risarcimento per il danno economico che ha comportato la nostra solidarietà negli anni ed ha dato la massima disponibilità a collaborare per un progetto serio di raccolta differenziata che coinvolga i comuni del comprensorio al fine di proporsi per un finanziamento regionale comune.

Hanno fatto seguito altri interventi di consiglieri comunali e di cittadini presenti.

In seguito è intervenuto il Sindaco che nel suo discorso ha annunciato l’orientamento di avviare la raccolta differenziata con le scarse risorse delle casse comunali ed ha illustrato le modalità di attuazione della raccolta differenziata. In tale illustrazione è emerso chiaramente che si è in presenza di una proposta propagandistica priva delle più basilari conoscenze di come pervenire all’obiettivo dei rifiuti zero e del riciclo dei materiali. In conclusione dell’intervento il Sindaco ha proposto di passare immediatamente all’approvazione della delibera consiliare impedendo che sulla proposta avanzata ci potesse essere una discussione ed un confronto civile e democratico tra i consiglieri.

Questo dimostra con chiarezza che la richiesta di collaborazione rivolta alle opposizioni da parte del Sindaco e della sua maggioranza è solo uno “slogan” perché in realtà si appalesano sempre di più forme di assolutismo amministrativo ed un tentativo di realizzare un governo locale in cui non c’è spazio per il controllo e la partecipazione attiva delle minoranze. Una forma questa che poco giova al dialogo e al bene del paese.

Ribadendo che persiste da parte del movimento “Per il Bene Comune” la piena disponibilità a collaborare e contribuire a redigere un progetto serio per la raccolta differenziata porta a porta, si informa che si terrà a breve un’assemblea pubblica per illustrare alla cittadinanza un nostro progetto da mettere a disposizione della maggioranza qualora fosse interessata.

Il Movimento ‘Per il Bene Comune’

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *