Il nuovo mercato di Statte non ha ancora una sede

“Riteniamo ormai intollerabili, dopo mesi di inutile attesa, i ritardi nella scelta del nuovo sito mercatale del venerdì a Statte ed altrettanto ingiustificabili consideriamo le mancate risposte degli amministratori pubblici alle esigenze legittime e comprovate sia di circa 100 operatori del commercio su area pubblica che dei cittadini stattesi.” La Fivag Cisl ha atteso finora inutilmente che il Sindaco Angelo Miccoli desse seguito a quanto concertato tra l’Amministrazione comunale, i sindacati e le Associazioni di Categoria.

“Premessa la conclamata invivibilità e pericolosità dell’attuale sito di via Mercadante” incalza il Sindacato Cisl che associa i lavoratori del commercio su area pubblica “ove regnano disordine, abusivismo e mancati controlli da parte della Polizia municipale, era stato convenuto un anno fa circa, su proposta della stessa Amministrazione, il trasferimento in tempi ragionevoli nella Zona Ponte Nuovo in via Cherubini, dopo che la stessa fosse stata attrezzata con servizi igienici, segnatura dei posteggi e con l’impegno persino di occupare un pezzo ulteriore in piazza Castello qualora se ne fosse ravvisata la necessità.”

La Fivag Cisl rievoca, anche, un incontro pubblico sulla questione nuovo sito mercatale, organizzato mesi addietro dal Sindaco Miccoli, con la presenza tra gli altri di quasi tutti i Consiglieri comunali sia di maggioranza che di opposizione e, inoltre, che a quell’incontro siano seguiti fino ad un certo periodo contatti telefonici e rinvii immotivati con sindacato e Associazioni da parte dell’Assessore alle Attività Produttive, Armando Grasso.

“Tutto ancora tace senza che dalla sede comunale ci pervengano notizie, nonostante la serie di richieste di convocazione da noi inoltrate per porre fine ad un’attesa tanto ingiusta quanto irrispettosa dei singoli ruoli” conclude la Fivag Cisl auspicando “decisioni in tempi brevissimi e coerenze con quanto insieme concertato”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *