Il Parco del Pollino al Festival d’arte contemporanea di Senise

Il Parco del Pollino, con la sua arte, natura e paesaggio protagonista al Festival dell’Arte Contemporanea (FAc), promosso dall’associazione culturale ArtePollino a Senise. Artisti, istituzioni e cittadini che popolano il versante lucano del Parco Nazionale del Pollino si sono confrontati sui temi della promozione del territorio, attraverso l’uso dei linguaggi dell’arte.

L’evento, realizzato con il contributo dell’Apt Basilicata, si è avvalso tra l’altro della consulenza scientifica di Laura Barreca critico d’arte. Attraverso il FAc si punta alla promozione del Parco mediante il coinvolgimento diretto dei suoi abitanti, invitati ad essere parte integrante del Progetto e non semplici spettatori.

Una occasione importante, dice il vicepresidente del Parco Franco Fiore, per il nostro territorio, il Festival, infatti ha rappresentato un momento di scambio e di confronto sull’importanza dell’arte contemporanea quale veicolo di promozione della nostra terra. L’arte è il cibo dell’anima e della mente quella contemporanea è caratterizzata da opere prodotte con tecniche e linguaggi interdipendenti: videoarte, pittura, fotografia, scultura, disegno, musica, installazioni. Nel territorio del Pollino stiamo cercando di dare spazio al linguaggio di ogni artista, nostro obiettivo è quello di valorizzare il territorio del Pollino per renderlo sempre più appetibile a turisti e visitatori; con Artepollino stiamo andando verso questa meta.

Hanno discusso del progetto artistico, tra gli altri Gaetano Lofrano, presidente di Artepollino, gli artisti Bianco e Valente, il giornalista di “Arte” e di “Artribune”, Anna Saba Didonato, e Valerio Giambersio, del Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici della Regione Basilicata; animato la due giorni con la mostra “Homo Legens”, a cura dell’associazione “La Luna al Guinzaglio”; la video performance relazionale “T.K 18” del duo artistico “EllesplusElles”, composto da Massimo Lovisco e Carmen Laurino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *