Ilva, firmato il decreto per la cessione a privati dei complessi aziendali

Il Ministro dello Sviluppo Federica Guidi ha firmato il decreto che autorizza la cessione dei complessi aziendali dell’Ilva e l’avvio delle procedure per il trasferimento delle aziende che fanno capo alle società del gruppo Ilva ora in amministrazione straordinaria. Domani, sottolinea una nota Mise, sarà pubblicato, sulla stampa nazionale ed internazionale, un invito a manifestare interesse all’operazione di trasferimento dei complessi aziendali del gruppo Ilva, al fine di consentire l’espletamento delle relative procedure entro il temine del 30 giugno 2016, come previsto dal decreto-legge approvato dal Consiglio dei ministri il 4 dicembre scorso.
Nel decreto, firmato oggi dal ministro Guidi, viene autorizzata l’esecuzione del programma di cessione dei complessi aziendali dell’Ilva predisposto dai tre commissari Piero Gnudi, Corrado Carruba ed Enrico Laghi, e che avrà una durata fino a 4 anni”.
Soddisfazione per la notizia è stata espressa anche dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano: “Finalmente! Finalmente il Governo ha pubblicato il bando per trovare un acquirente della più grande acciaieria d’Europa, un impianto strategico per l’economia italiana e europea, che deve continuare a produrre e a dare occupazione, senza però uccidere e far ammalare i cittadini pugliesi”.
“Sollecito quindi tutti coloro che sono interessati a manifestare l’interesse per l’acquisizione dell’impianto, precisando che la trasformazione della fonte energetica fondamentale da carbon coke a gas, rappresenta l’unica reale possibilità di conciliare esigenze produttive e salute.
Ricordo che l’utilizzo del gas naturale e del cosiddetto preridotto, abbatte le emissioni nocive del 100% e del 60% quelle di CO2”.
“E’ questo l’unico modo – prosegue il presidente – per rendere compatibile la nuova Ilva con gli impegni che tutta la Unione Europea ha preso a Parigi, in occasione della conferenza internazionale sul clima, e in merito alla totale decarbonizzazione dell’industria europea”.
“I 20 miliardi di metri cubi di metano provenienti dall’Azerbaigian, insieme ai giacimenti recentemente scoperti in Egitto dall’Eni e a quelli in esercizio in Basilicata potrebbero assicurare all’Ilva forniture di gas illimitate, potendo così presentare la produzione di acciaio italiana e europea come una delle poche compatibili con l’ambiente e con la salvezza del pianeta e dei suoi abitanti”.
“La Regione Puglia – conclude Emiliano – rimane a disposizione del Governo e degli eventuali acquirenti dello stabilimento per favorire la positiva soluzione della trattativa di acquisto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *