Incendi intimidatori a Putignano

Una vendetta per intimidire chi aveva parlato. Una ritorsione che è sfuggita di mano e che si è rivoltata contro chi l’ha attuata. I carabinieri di Putignano hanno arrestato Antonio Catucci, 26 anni, e Floriano Leonardo Netti, 27 perchè lo scorso  il 16 maggio erano stati loro a dare fuoco a un autocarro e a uno scooter di due persone che, con le loro testimonianze, avevano contribuito all’arresto di una banda di 15 spacciatori di droga putignanesi e al sequestro di tre milioni di euro. Doveva essere “solo” un gesto intimidatorio, ma le fiamme fuori controllo distrussero anche altre auto parcheggiate nelle vicinanze, un’officina meccanica e le facciate di alcune abitazioni, provocando danni per diverse migliaia di euro. “L’obiettivo perseguito dai due arrestati non è stato raggiunto”, commenta soddisfatto il procuratore capo di Bari, Antonio Laudati. “Lo Stato ha saputo affermare il principio di legalità sul territorio, assicurando due criminali alla giustizia. Il messaggio, quindi, lo abbiamo inviato noi a tutti coloro che hanno collaborato all’inchiesta i quali, oggi, hanno la certezza non solo di aver contribuito a smantellare una pericolosa rete di spacciatori nel Sud-est barese, ma sanno che lo Stato non li ha abbandonat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *