Incontro all’istituto “Nitti” su programma soggiorni studio mobilità internazionale

Gli studenti di alcune scuole lucane – Istituto “F.S.Nitti”; Istituto Alberghiero “Umberto di Pasca”; Istituto Einstein- De Lorenzo; Istituto Leonardo da Vinci; Istituto “Ten. Remo Righetti” di Melfi; Istituto Agrario “Giustino Fortunato” di Potenza – hanno raccontato la loro esperienza di formazione all’estero a seguito della partecipazione al programma finanziato dalla Regione Basilicata dal titolo “Percorsi formativi per soggiorni di studio in mobilità internazionale”. L’iniziativa è stata promossa da Sistema Turismo, agenzia formativa del gruppo Education and Training Network, nell’Aula Magna del “Nitti”, sede dello Sportello Europa. L’evento è stato accompagnato da una diretta social sul tema #WeAreEurope. Gli studenti, infatti, nel corso della mattinata hanno pubblicato sulla pagina facebook dell’Education and Training Network un pensiero o una foto sull’Europa. Agli autori dei post con più “mi piace” è stata consegnata una maglietta con il logo #WeAreEurope. Dai video realizzati durante il soggiorno in Europa, è emerso l’entusiasmo e il desiderio di compiere altre esperienze di questo tipo finalizzate alla crescita personale e al potenziamento delle competenze linguistiche indispensabili per il mercato del lavoro. Debora Infante e Angelo Mazzatura, Dirigente scolastico dell’Istituto Agrario “Fortunato” di Potenza, hanno rimarcato la necessità di inserire tali misure a sostegno della scuola in una programmazione ben definita, e di concedere un tempo maggiore per organizzare le attività. Hanno ribadito, inoltre, l’importanza di destinare maggiori risorse sia per i docenti che accompagnano gli studenti all’estero sia per il personale amministrativo che si occupa della rendicontazione del progetto. “Il Dipartimento Politiche di Sviluppo ha profuso tanto impegno per elaborare e gestire tale misura in via sperimentale utilizzando le risorse relative alla programmazione 2007/2013 – spiega Giandomenico Marchese. Si tratta di un progetto non estemporaneo ma destinato a continuare nel tempo, utilizzando apposite linee di finanziamento del Fondo sociale europeo già previste nel POR 2014/2020. Dalla riunione mi sembra di cogliere un entusiasmo per l’iniziativa e per i risultati conseguiti. Sarà necessario effettuare un monitoraggio ed una valutazione delle attività, anche mediante un apposito incontro con gli istituti beneficiari dell’iniziativa, per cogliere dai protagonisti le buone pratiche ed evidenziare eventuali criticità e miglioramenti che potranno essere apportati nelle prossime iniziative scolastici e i docenti, in modo da capire se la misura ha raggiunto l’obiettivo e come può essere perfezionata per il futuro.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *