Indagine Coldiretti, 4 pugliesi su 10 in sovrappeso a causa del Covid

Oltre 4 pugliesi su 10 sarebbero in sovrappeso a causa del Covid. Alla base dei problemi di peso ci sarebbe l’aumento dello smart working, le limitazioni imposte dal lockdown e la maggiore tendenza a dedicarsi alla cucina. È quanto emerge da una analisi di Coldiretti Puglia condotta nella rete di fattorie e mercati di Campagna Amica e su dati Crea, il Centro di ricerca alimenti e nutrizione, diffusa in occasione dell’Obesity Day 2020 che si è celebrato il 10 ottobre in tutto il mondo.
“La pandemia ha imposto un cambiamento radicale delle abitudini di vita e di consumo, che ha avuto effetto anche sulla bilancia, dove la tendenza a mangiare di più, spinta dal maggior tempo trascorso fra le mura di casa, non è stata compensata da una adeguata attività fisica. – sottolinea Coldiretti – Soprattutto tra le persone collocate in smart working o in cassa integrazione, nel 54 percento dei casi si è registrato un aumento medio di peso di ben 4 chilogrammi, secondo una ricerca della Fondazione Adi dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica. Ma l’aumento di peso è legato anche alla maggiore tendenza a cucinare per sé e per i familiari, con lo smart working che ha spostato fra le mura domestiche tutti gli intervalli del tradizionale orario di lavoro”. Il risultato è un aumento di 10 miliardi di euro della spesa alimentare nelle case degli italiani nel 2020, secondo una analisi Coldiretti su dati Ismea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *