Indagine Istat, in Puglia la spesa mensile delle famiglie è la più bassa d’Italia

“I dati forniti dall’Istat circa i consumi delle famiglie nel 2019 attestano come le disuguaglianze sociali ed economiche siano ancora molto forti in Italia, con le famiglie del nord sensibilmente più ricche rispetto a quelle del sud, e una spesa media profondamente diversa”. Lo afferma il Codacons, commentando i dati dell’istituto di statistica.
“Il divario Nord-Sud sul fronte dei consumi resta ancora altissimo. – ha detto il presidente Carlo Rienzi – Una famiglia residente in Trentino Alto Adige spende mediamente al mese il 49,9% in più rispetto allo stesso nucleo che vive in Puglia o in Calabria, 2.992 euro contro i 1.996 euro della Puglia e i 1.998 euro della Calabria. Differenza che raggiunge il record del +76% se si confronta la spesa di una famiglia di Bolzano (3.517 euro) con quella di una residente in Puglia. L’Italia viaggia ancora a due velocità, e le condizioni sociali ed economiche del Mezzogiorno influiscano in modo evidente sui consumi delle famiglie”.
Questa è, infatti, la classifica redatta dal Codacons delle regioni e province autonome in base alla spesa per consumi registrata del 2019:

REGIONE      spesa media mensile (in euro)

– Bolzano/ Bozen 3.516,89
Trentino-Alto Adige/ Südtirol 2.991,73
Lombardia 2.965,10
Toscana 2.922,43
Emilia-Romagna 2.906,75
Valle d’Aosta/ Vallée d’Aoste 2.805,50
Lazio 2.779,50
Veneto 2.680,91
Friuli-Venezia Giulia 2.611,06
Piemonte 2.583,22
Liguria 2.499,63
– Trento 2.495,43
Umbria 2.446,76
Marche 2.402,69
Sardegna 2.216,17
Abruzzo 2.193,32
Molise 2.171,25
Campania 2.113,94
Sicilia 2.017,99
Basilicata 2.003,06
Calabria 1.998,64
Puglia 1.996,04

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *