IV Edizione di Gipsyland a Torre Regina Giovanna

1070023_10201633760946657_821971280_nSiamo ormai alla quarta edizione di Gipsyland a Torre Regina Giovanna e riteniamo che sia il caso di rispolverare il senso di una festa a tema, di un evento di musiche diverse, di un festival di due giorni, 26 e 27 luglio, di una sagra popolare. Gipsyland è un vero e proprio festival della musica e non solo: una città gitana abitata da zingari e zingarelle che condividono la grande passione per il travestimento, le bancarelle, le giostre, i fuochi, le danzatrici, le balle di fieno, i carri e i galli. Scenografie a tema ridisegnano uno spettacolo naturale fermatosi nel tempo. Regista e creatore, il maestro Pino Maiorano, inventore della festa delle Farfalle, l’arcinoto FarFìfly. La proposta artistica di quest’anno prevede concerti live con i Rekkiabilly: musicanti ironici e scanzonati, zingari sempre in viaggio alla ricerca di una nuova chiave di lettura del rock’n’roll nel terzo millennio, sporcano e stravolgono il tipico sound fifties, azzardando nuove contaminazioni con abilità, lasciando spazio tra le pieghe del rockabilly a sfumature country, echi rhythm and blues, suggestioni surf e motown, coloriture retrò dal sapore jazz-manuche e swing. Si continua con gli Opa Cupa di Cesare Dell’Anna che, all’ennesima partecipazione a Gipsyland, rappresentano il simbolo dell’evento stesso: come un grido di esortazione alla danza degli zingari del sudest Europa, inonderanno d’energia la piazzetta di Torre Regina Giovanna. Dj set di spessore e trasversali, da Nicola Conte, che spazia dalla bossanova alla tradizione jazzistica, alle sonorità di Delano Smith, fuori dagli schemi rigidi imposti alla house e dalla techno, passando per Mike Huckaby, che conosce l’equilibrio tra la deep house e la techno come nessun altro. Ci sarà spazio anche per le realtà pugliesi con il dj massafrese Marco Unzip, ormai affermato resident del Cocoricò di Riccione e Giorgia Angiuli, pugliese anche lei, affermatasi fuori dai confini della regione con il progetto We Love (Bipitch Control). Prevista per la prima volta una join venture col live elettronico di Transition Lab, dj Jako e Limo, serissima realtà musicale nata e cresciuta sotto la torre della regina Giovanna di Apani. E poi spazio ai talenti: dal barese Tany d’Amely e Martino Recchia della The Flame Recordings, al resident del Farfly, Mike Heron, al tarantino Biagio Laneve del club Sound Department. Ospite d’onore della manifestazione, Derrick May, direttamente da Detroit. A chiusura di 2 giorni intensi e carichi di contenuti e a conferma che la musica e il ballo non hanno confini, ci sarà il dj set di Andrea Fiorito accompagnato dal pianistaKekko Fornarelli. Appuntamento per due giorni di zingarate, il 26 e 27 luglio a Torre Regina Giovanna, dalle 23 in poi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *