La denuncia di Lomastro: “Stavo per ammazzare 5 extracomunitari”

Questa notte stavo rientrando dal mio viaggio quando, a bordo della mia auto, all’altezza dello stabilimento Ilva sulla Taranto-Massafra, per poco non investo 5 extra comunitari in bici a luci spente sulla corsia di marcia. Li ho evitati per un filo.
Chiaramente, se li avessi uccisi, sarei finito in carcere io.
Preso dallo spavento, mi sono subito fermato per chiamare Polizia e Carabinieri ma il telefono squillava invano alle 00.20.
Ha risposto solo un Carabiniere che,  dopo aver capito di che si trattava, ha provato a passarmi dei colleghi ma, dopo qualche minuto di attesa al telefono, ho chiuso. E ho deciso di fare qui la mia ennesima denuncia a cui ho deciso di unire anche una proposta.
In bici senza luci ci trovate principalmente “i neri” extracomunitari.. Tanti troppi per questa città che non è capace di assistere manco se stessa. Per piacere o per lavoro viaggio tanto e l’unica città in cui questi girano senza luci è Taranto. Vanno in bici in zone non illuminate in piena corsia sul ciglio di strade a scorrimento veloce .. Non li vedi se non quando ci sei addosso.
Questa povera gente è costretta a muoversi con l’unico mezzo possibile. A piedi o in bicicletta. Ma senza sicurezza alcuna.
La legge italiana non tutela nè loro nè noi. Se ne ammazzi uno come stava capitando a me, loro continuano ad essere abbandonati a se stessi e noi ad essere trattati come i peggiori delinquenti. Lo Stato prevede il reato di omicidio colposo. Te ne vai dritto in galera.
So bene quanti sforzi facciano già Polizia e Carabinieri per fronteggiare questo fenomeno.
Così come tante associazioni di volontariato e le cooperative che si occupano dell’accoglienza delle migliaia di extra comunitari.

Proprio a queste ultime chiedo di spendere 2 euro ad ospite per fornire loro la casacca fosforescente oltre ad un piccolo vademecum per muoversi in sicurezza.
Come Made in Taranto siamo disponibili a organizzare degli incontri informativi. La loro vita vale quanto la nostra.

Gianluca Lomastro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *