La Francigena si allunga fino a Brindisi

L’ampliamento della via Francigena da Canterbury fino a Brindisi, decretata il 14 aprile scorso dall’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali, è ormai una realtà e con i suoi 2300 chilometri diventa l’itinerario culturale più lungo nel programma degli itinerari del Consiglio d’Europa. Come ha detto  giustamente l’europarlamentare Silvia Costa, presidente della Commissione Cultura del Parlamento Europeo, nel suo intervento all’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali del Lussemburgo, “mentre alcuni Stati europei alzano muri, noi apriamo nuove vie culturali e nuovi itinerari del dialogo interculturale e interreligioso”. La via Francigena unisce l’Europa e i Paesi non europei con l’Europa stessa nel nome della cultura e del dialogo.
“Un risultato molto atteso, frutto del lavoro delle Associazioni europee delle vie Francigene, delle associazioni di camminatori e pellegrini, della Società italiana di Geografia delle Regioni, dei Comuni che hanno lavorato insieme per definire il nuovo itinerario che da San Pietro, a Roma, porta a Brindisi  e dell’impegno della europarlamentare Silvia Costa – commenta l’Assessore all’Industria Culturale e turistica, Loredana Capone – Lunedì scorso durante l’incontro dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, nella quale le regioni del sud sono rappresentante da Aldo Patruno, direttore del Dipartimento  Cultura e Turismo  della Regione Puglia, era stato predisposto un protocollo di intesa fra le regioni meridionali per la Via Francigena del Sud  che prevede azioni di sostegno, infrastrutturazione, manutenzione promozione e gestione  del cammino. A fine aprile la firma a Piacenza. La Puglia inoltre è regione leader del progetto South Cultural Roots per il quale sono stanziati 4 milioni di euro che provengono dal Ministero dei Beni Culturali che coinvolge quattro regioni nel tracciare i cammini del sud, fra i quali primeggia ormai proprio la via francigena. Per la Puglia è una grande occasione di rivivere il territorio attraverso il cammino e un grande impegno per realizzare una fruizione  della francigena sia per i camminatori che per i pellegrini contemporanei. Ma è una occasione per tutta la comunità internazionale che potrà apprezzare un pezzo importante della via”.
Sulla stessa lunghezza d’onda il progetto di Cammino dei Fari, denominato Flash, per il quale  la Puglia si è candidata come regione capofila all’interno del programma europeo Adrion insieme ad  Abruzzo, Molise, Grecia, Albania e Montenegro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *