La Pro Loco di Tricarico allo ‘Yacht Med Festival’ di Gaeta

La Pro Loco di Tricarico parteciperà, dal 21 al 29 aprile, allo “Yacht Med Festival” di Gaeta (Latina), la Fiera internazionale dell’Economia del Mare e della Blue Economy, caratterizzata da aree espositive e attività inerenti sia i settori tradizionalmente legati al mare, come la nautica, il turismo, la pesca, la formazione, la portualità, la logistica e i trasporti, sia quelli legati alla valorizzazione delle produzioni tipiche, dell’artigianato artistico e del patrimonio storico e culturale. La manifestazione, ideata dalla Camera di Commercio di Latina, è organizzata insieme alla Regione Lazio e in collaborazione con Unioncamere Lazio, Comune di Gaeta, Camera di Commercio di Roma, Camera di Commercio di Frosinone, Camera di Commercio di Caserta, Autorità portuale di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta, Regio Prima Latium et Campania e Il mio Lazio. Per capire l’importanza di questa manifestazione, basti dire che ha avuto il patrocinio della Presidenza Consiglio dei Ministri, del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero del Turismo, del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Ministero della Difesa e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. La Pro Loco tricaricese promuoverà le bellezze paesaggistiche e le bontà enogastronomiche della Regione Basilicata; selezionata dalla sezione lucana dell’Unione nazionale delle Pro Loco d’Italia a rappresentare la Regione, gestirà un proprio stand insieme alle altre regioni d’Italia, invitate per il cinquantesimo anniversario dell’Unpli. Il presidente della Pro Loco Roberto Incudine, esprimendo soddisfazione e apprezzamento per la scelta operata dal direttivo regionale dell’Unpli, dice che “l’attività della Pro Loco non si limiterà alla promozione di Tricarico ma saranno messi a disposizione spazi per l’intera Regione, con particolare attenzione all’ambiente e all’enogastronomia, promuovendo le bontà dei produttori tricaricesi e pubblicizzando, con riferimento a Tricarico, le bellezze del patrimonio monumentale cittadino e, in particolare, delle chiese, visto l’enorme sforzo che la Diocesi tricaricese, retta dal Vescovo monsignor Vincenzo Orofino, sta facendo per l’apertura e il ripristino delle stesse. Anche il turismo religioso, che negli ultimi anni ha visto ovunque un considerevole incremento di interesse e partecipazione, ha a Tricarico e specificamente nel santuario mariano della Madonna di Fonti una meta privilegiata che sarà proposta e promossa nel corso della rassegna. Inoltre, il progetto di riqualificazione degli Orti saraceni, in prossimità di approvazione, deve incoraggiare in tale settore e, per questo, saranno per la prima volta pubblicizzati pacchetti turistici in via sperimentale, con la possibilità di pernottamenti sul posto”. Il vice presidente Rocco Stasi, dal canto suo, rimarca come, “con tale ultima iniziativa, continui incessantemente il lavoro dell’associazione che giunge quest’anno al quarantesimo anno di attività di promozione e tutela di quella che si va sempre più attestando come una delle realtà turistiche regionali, ossia Tricarico e il suo patrimonio monumentale, artistico e antropologico, quest’ultimo rappresentato dalle “Maschere di Tricarico”, che ormai sono assurte a icona di rilievo mediatico, di un patrimonio regionale fatto di rituali ancestrali che suscita sempre più interesse, considerazione e gradimento. A testimonianza di ciò, i numeri del “1° Raduno Lucano delle Maschere Antropologiche”, tenutosi a Tricarico il 3 marzo scorso, figlio del Carnevale Tricaricese ma evento regionale creato in modo esclusivo a livello nazionale, caparbiamente voluto, organizzato e gestito dalla Pro Loco di Tricarico, alla quale il Comune di Tricarico non ha fatto mancare la collaborazione, i commenti positivi che ancora oggi raccogliamo e, cosa più importante, il lavoro nato con quell’esperienza e che stiamo portando avanti, volto alla costituzione della rete dei Carnevali lucani”. Questi sono i numeri del festival di Gaeta: 25.000 metri quadrati di superficie espositiva; 255 stand; oltre 1.000 imprese rappresentate; 232 imbarcazioni a mare; otto aree espositive; oltre 200.000 visitatori stimati. I produttori tricaricesi e della provincia materana, che intendano promuovere prodotti artigianali ed enogastronomici, possono contattare la segreteria organizzativa della associazione contattando il telefono 0835724662 o info@lemaschereditricarico.it. La Pro Loco manderà in diretta streaming alcuni momenti del festival.

Vito Sacco

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *