La rassegna “Chi è di scena” si sposta al Teatro “Stabile” di Potenza

Terzo appuntamento con la rassegna dei giovani talenti de “La Scuola sull’Albero”. Lunedì 17 giugno alle 21.00 presso il Teatro Stabile di Potenza, andrà in scena lo spettacolo “Drammi Inconsistenti”, interpretato dagli allievi del corso avanzato di teatro tenuto presso il capoluogo, in collaborazione con Radio Redazione.

Lo spettacolo porta in scena cinque atti unici di Achille Campanile, uno dei più grandi umoristi del Novecento, autore di una satira pungente e di una comicità surreale, utili a svelare e smascherare la banalità dei clichè letterari, del costume e delle convenzioni sociali.

Tra litigi matrimoniali, delitti irrisolti e suicidi sventati, il testo ironizza sull’inconsistenza di certi “drammi” quotidiani senza rinunciare a conservare, in fondo alla risata, uno sfuggente senso di amarezza.

In scena gli allievi Giuseppe Calamita, Angela Fasulo, Federica Fusco, Gianmichele Veronese, Valeria Gianpaolo, Cinzia Greco, Giuseppe Loisi, Ramona Rufino, Flavio Travaglino, Annaluce Viggiani. Con loro le due attrici de La compagnia dell’Albero, Donatella Corbo e Francesca Laurita.

Alessandra Maltempo, insieme a Vania Cauzillo, ha curato la messa in scena dello spettacolo. “Abbiamo lavorato molto sulla comprensione e sull’interpretazione del testo, andando alla ricerca del sottotesto e del non-detto, che, in uno scrittore come Campanile, sono le componenti più importanti. Un lavoro difficile ma molto stimolante, che ha consentito agli attori di conoscere un grande umorista e autore e di calarsi nei panni di personaggi indimenticabili”.

Tra uno sketch e l’altro alcuni inserti video, curati da Vania Cauzillo. “Ci piace mescolare linguaggi e sapori, la tradizione del palcoscenico e l’immediatezza delle nuove tecnologie” racconta Vania Cauzillo. “Anche per gli attori è uno stimolo a sperimentare diversi modi di recitare.”

In occasione dello spettacolo, La Scuola sull’Albero presenterà i risultati del contest fotografico “C’eravamo tanto armati”. Il contest è stato pensato per permettere ai fotografi emergenti di sperimentarsi con un linguaggio fotografico specifico: quello della narrazione di una storia attraverso un’immagine.

In particolare le storie da narrare attraverso uno scatto fotografico erano quelle raccontate nei cinque quadri di “C’eravamo tanto armati”, lo spettacolo scritto da Raffaele Flore per la compagnia giovanile de L’Albero, che andrà in scena il 22 giugno al teatro Ruggiero di Melfi.

Lunedì sera, nel foyer del teatro, le foto finaliste saranno esposte e votate dal pubblico. Il premio in palio è un articolo dedicato al fotografo vincitore sulla rivista in Arte Multiversi, rivista specialistica a diffusione nazionale che dal 2005 tratta delle molteplici espressioni dell’arte: pittura, scultura, archeologia, architettura, cinema, musica, letteratura, fotografia, teatro, fumetto, turismo, culturale, arte contemporanea.

Propone inoltre segnalazioni e recensioni delle più importanti mostre a carattere nazionale e internazionale. La rivista è stampata con una tiratura di 10.000 copie, distribuite a pagamento presso le edicole di Basilicata, Puglia, Campania e Calabria e inviate in abbonamento postale in tutta Italia presso Musei, Biblioteche, Gallerie e Fiere d’arte, Laboratori artistici, Associazioni culturali, Pro Loco e Soprintendenze.

Dal 2010 la rivista In Arte Multiversi è anche sul web con l’archivio storico dei numeri cartacei pubblicati e con tanti nuovi articoli.

Il sito www.in-arte.org registra quotidianamente oltre 2.000 contatti.

I prossimi appuntamenti della rassegna:

22 giugno: C’eravamo tanto armati, riflessioni amare sull’amore, di Raffaele Flore, Teatro Ruggiero II – Melfi

26 giugno: Cronache da un condominio, pochade per giovani attori, di Valentina Tramutola, Teatro Ruggiero II – Melfi

Ingresso spettacolo ore 20.30, sipario ore 21.00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *