La Suite Osa trasmessa in streaming a Linecheck Music Meeting and Festival, mercoledì 18 novembre 2020 – ore 22.00

Dopo l’anteprima di Matera, la Suite Osa, performance finale dell’Open Sound Festival 2020, verrà trasmessa mercoledì 18 novembre, in streaming, nel corso di Linecheck Music Meeting and Festival, la più importante music conference d’Italia, main content partner della Milano Music Week.
Linecheck, che è partner dell’Open Sound Festival, è giunto alla sesta edizione e, anche in una versione fortemente digitalizzata come quella del 2020, mantiene la sua vocazione all’internazionalità mettendo al centro dell’attenzione il mercato e la filiera musicale italiana ed europea con panel, masterclass e showcase in streaming su live.linecheck.it

 

La venue principale del festival sarà Milano, con quartier generale presso le musicROOMS del polo culturale Base Milano. Ma questa edizione ospiterà show in streaming anche da Roma, Matera, Ibiza, Londra e Parigi.
La Suite Osa, opera collettiva per musica elettronica, strumenti tradizionali, quintetto d’archi e pianoforte, inserita nel programma di Linecheck 2020, è una performance scritta e costruita esclusivamente per l’Open Sound Festival,  format basato proprio sulla creazione ed esecuzione dal vivo di produzioni originali, mai ascoltate prima, fondate sull’incontro fra musica elettronica contemporanea e suoni ancestrali della Basilicata.
La performance rappresenta il momento conclusivo di un lungo percorso di scouting, formazione e co-produzione intrapreso dall’Open Sound a luglio 2020: nella Suite, infatti, tre giovani producers (Mala Femmina, Enrico Lillo Dadone e Angelo Rosato Fanelli) selezionati con #OSA, la call internazionale di Open Sound Festival, si esibiscono insieme ai guests Stabber, Clap! Clap! e Yakamoto Kotzuga, accompagnati dal pianoforte e dagli archi dell’ensemble Solisti Lucani e con la partecipazione degli artisti lucani Alberico Larato (zampogna, chitarra e lira) e Agostino Cortese, alla guida del collettivo Agotrance, composto da suonatori di percussioni e cupa-cupa, uno degli strumenti più identificativi della tradizione lucana. La direzione creativa è di Nico Ferri (founder Open Sound Festival), la direzione artistica di Alioscia Bisceglia (Casino Royale), con la  direzione musicale di Giorgio Mirto, composer e docente del Conservatorio di Livorno. 

La Suite Osa è andata in scena, in anteprima, lo scorso 26 settembre, in collaborazione con la Direzione Regionale Musei Basilicata, nel suggestivo scenario della Terrazza di Palazzo Lanfranchi a Matera, costruzione seicentesca, attuale sede del Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna della Basilicata, con una vista mozzafiato sugli antichi rioni dei Sassi, che ha aperto le porte ad uno spettacolo contemporaneo mai presentato prima. L’iniziativa si presta per sua natura ad un’azione di marketing delle risorse storico-culturali e paesaggistiche condivisa con l’Agenzia di Promozione Territoriale della  Basilicata (APT Basilicata).
La Suite, come gli altri show di Linecheck 2020, sarà trasmessa in streaming su live.linecheck.it.

OPEN SOUND 2020: dalla Call #Osa alla Suite finale

Open Sound, dopo la prima edizione co-prodotta da Multietnica e Fondazione Matera-Basilicata 2019 per il programma ufficiale di Matera Capitale europea della Cultura 2019, ha lanciato il suo progetto per il 2020 partendo nuovamente da #OSA, la  call per producers che ha visto la partecipazione di 67 candidati, affascinati dalla sfida di ricodificare, in chiave contemporanea, sonorità antichissime appartenenti al patrimonio lucano, presentando una traccia inedita costruita a partire dal repertorio di suoni raccolti nell’Open Sound Library (OSL). Tra i candidati ne sono stati selezionati 9 che, a fine agosto, hanno partecipato allOpen Sound Academy, realizzata in collaborazione con Sugar Music, presso il Cecilia, Centro per la creatività di Tito (PZ). Due giorni di seminari, ascolti, esperienze one to one, showcases e masterclass e, alla sera, le auditions/esibizioni, dei partecipanti che hanno permesso di individuare tre giovani talenti da coinvolgere nella produzione della Suite OSA. Dal 6 al 13 settembre i tre producers hanno lavorato in studio sugli inediti candidati per la call che sono stati co-prodotti assieme ai guests Stabber, Clap! Clap! e Yakamoto Kotzuga, con la supervisione del direttore artistico Alioscia Bisceglia. Ogni traccia, così lavorata in studio, è stata poi ottimizzata e riarrangiata per dialogare con la partitura e l’orchestrazione curate dal maestro Giorgio Mirto.

OPEN SOUND 2020 – 2022: il nuovo format coinvolge una rete di realtà artistiche lucane
Dal 2020 il format Open Sound riunisce altri tre festival e realtà artistiche consolidate del territorio lucano: Pollino Music Festival, Metaponto Beach Festival, Vulcanica Live Festival. Le tre associazioni promotrici dei festival e il Centro Cecilia, hanno infatti costruito una rete che, da qui ai prossimi anni, li vedrà lavorare fianco a fianco per generare un sistema regionale di festival basati su produzioni originali con un forte carattere identitario, legato al territorio, ma allo stesso tempo dal respiro nazionale e internazionale. Il prossimo passo per Open Sound, infatti, vuole essere proprio – spiega Alessandro Ottenga, Manager Culturale del progetto – quello di rendersi replicabile in una dimensione nazionale ed europea: ci sono tante comunità territoriali che possono mettere a disposizione un patrimonio culturale di questo tipo. Ecco noi vorremmo confrontarci con loro, conoscerle e sviluppare progettualità comuni.
Con questo progetto – racconta Nico Ferri, Founder e Direttore Creativo dell’Open Sound Festival – presentiamo contenuti artistici e musicali inediti, generati per essere rappresentati in anteprima durante il nostro festival, tenendo fede a quella che è la nostra mission: dare una nuova vita alle sonorità ancestrali della Basilicata rileggendole in chiave contemporanea attraverso i codici dell’elettronica. Siamo partiti a fine 2019 e siamo andati avanti, con un lockdown di mezzo, coinvolgendo, oltre che i 3 producers selezionati con la call e i 3 guest producers, un compositore/direttore musicale, un quintetto d’archi, una pianista e alcuni musicisti tradizionali . Poi tutto il lavoro di scouting, formazione e produzione di questi mesi è confluito nel momento finale della Suite OSA. Non è stato facile, considerato il clima di incertezza dovuto alla pandemia. Era, ed è, un sogno visionario. E, come in tutti i sogni visionari, nulla era  scontato. Ma poi tutto si è materializzato in un’atmosfera di collaborazione incredibile tra tutti i soggetti protagonisti ed il risultato è stato una meravigliosa opera collettiva generata in un luogo simbolico e affascinante
L’esperienza di Matera 2019 – commenta il Direttore dell’APT Basilicata Antonio Nicoletti – ha mostrato che la cultura e la creatività sono strumenti efficaci e potenti per promuovere e raccontare un territorio. Il progetto Open Sound Festival, espressione qualificata delle energie e delle competenze del settore culturale lucano, interpreta i suoni della nostra terra trasformandoli in musica con linguaggi rivolti a un pubblico eterogeneo e moderno. La presenza della Suite OSA al Linecheck music meeting and festival è quindi un’occasione per promuovere non solo un prodotto artistico originale “made in Basilicata”, ma la stessa terra in cui quel prodotto affonda le sue radici. 

È anche per questi motivi che l’iniziativa è sostenuta da APT Basilicata nell’ambito di un avviso per iniziative di co-marketing di rilevanza nazionale e internazionale.

 

Suite Osa
 Opera collettiva per musica elettronica, strumenti tradizionali, quintetto d’archi e pianoforte

Guests producers:
Clap! Clap!
Stabber
Yakamoto Kotzuga

Producers selezionati con la CALL #OSA
Mala Femmina
Enrico Lillo Dadone
Angelo Rosato Fanelli

Ensemble “Solisti lucani”

Silvia Grasso – I° Violino

Anna Maria Losignore – II° Violino
Carmine Caniani – Viola
Angelo Maria Santisi – Violoncello
Marco Cornacchia – Contrabbasso
Chiara Lacertosa – Pianoforte
Giorgio Mirto – Direttore

 

Con la partecipazione dei musicisti lucani:
Alberico Larato
Agostino Cortese con il collettivo Agotrance

Voce narrante

Dino Paradiso (in Epilogo-Preghiera)


Direttore creativo
Nico Ferri

 

Direttore artistico
Alioscia Bisceglia

Direttore musicale
Giorgio Mirto


Manager culturale

Alessandro Ottenga

 

Co-produzione artistica e gestionale

Manuel Tataranno

Vincenzo Paolino

 

Direttore di produzione
Salvatore Ambrosino

Amministrazione
Flora Perrotta

Comunicazione

Roberto Sburlati

Maria Grazia Marsico
Paola Ciarrocchi
Niccolò Maffei

 

Segreteria organizzativa
Marika Coronato

 

foto e video
Valerio Sammartino
Simone Valente
Alessio Rucchetta

fonico
Angelo Cannarile

light designer
Raffaele Onorato

assistenti all’organizzazione

Paolo Greco
Flavio Russo

Valerio Ruoti

 

elementi scenici
Rumita di Satriano di Lucania (PZ)

 

Programma Suite Osa

  1. Ouverture (Giorgio Mirto)
  1. Sassi (Clap!Clap!) 

“Una rilettura del brano primogenito del progetto #OSA. Un’alternanza di scorci di vita, una visione viva, di un caos armonico, che trasuda gioia e sofferenza, tra le salite e i vicoli dei Sassi di Matera.”

  1. Crasi 1 (Giorgio Mirto)
  2. U’ Munacidd (Angelo Rosato Fanelli)  

“Sospeso tra la terra e il cielo, si muove in astrale per farci visita in modo inaspettato una figura benefica e dispettosa che continua a vagare sopra e intorno a noi.”

  1. Sassi-reprise (Giorgio Mirto) 
  2. Lucanians galore (Lillo Dadone) 

“Terra di incroci, di relazioni tra elementi differenti. Anime diverse e diversi stati d’animo, risate e canti di bambini incrociano canti funebri.”

  1. Crasi 2 (Giorgio Mirto)
  2. 2 luglio (Yakamoto Kotzuga) 

“Dall’atmosfera sacrale dell’alba, al momento dell’attacco al carro: la preghiera solenne è esplosione di energia. Brano ispirato al giorno in cui, nella città di Matera, si tengono le celebrazioni della Madonna della Bruna.”

  1. Crasi 3 (Giorgio Mirto)
  2. Lingue di fuoco (Stabber) 

“Reminiscenze di una migrazione, la fuga dalla caduta di Bisanzio e la nuova vita. Memoria, eredità, rinascita, nuova vita.”

  1. EnTrance (Giorgio Mirto)
    Trance-humanza
    (Mala Femmina)

“Intorno ad un fuoco per esorcizzare il peggio che dovrà pur avere una fine. La ritualità tribale e la volontà di sopravvivere davanti alle avversità, ieri come oggi, nel viaggio della vita.”

  1. Epilogo Preghiera (Giorgio Mirto)
    “Una delle preghiere più disperate, controverse e profonde che possano essere mai state scritte e recitate.”
    (Voce narrante di Dino Paradiso – testo estratto dal documentario Mater Matera)

La Suite OSA è un gesto caleidoscopico in cui l’elettronica e la musica analogica non hanno rapporti di subordinazione funzionale o effettistica ma di prolifica convivenza e dialogo costante. Un gesto in cui ciascuno è singolo, ma, al contempo, parte di un tutto. Non una suite di danze ma una suite di quadri visionari di mutua ispirazione e contrappunto continuo. Una sinfonia in cui tutti suonano con lo strumento della propria essenza. (Giorgio Mirto, Direttore Musicale Suite Osa)

Open Sound Festival è un progetto ideato da Associazione Multietnica in partenariato con Associazione Krikka, Associazione Vulcanica e Consorzio Millepiani.
Col contributo di Regione Basilicata e APT Basilicata.
Main Partners Sugar Music, Pollino Music Festival, Metaponto Beach Festival, Vulcanica Live Festival, Cecilia – Centro per la creatività, Libellula Music.
Partners Direzione Regionale Musei Basilicata, APT Basilicata, Fondazione Matera Basilicata 2019, Doc Servizi, Linecheck, Music Innovation Hub, _resetfestival, KeepOnLive.
Comfort supplier Calia Italia

Col patrocinio gratuito di Comune di Bernalda (MT), Comune di Rionero in Vulture (PZ), Comune di San Severino Lucano (PZ), Comune di Tito (PZ), Comune di Satriano di Lucania (PZ).
Guarda qui “Open Sound Academy 2020”, in collaborazione con Sugar Music
Guarda qui Open Sound 2020 co-produzione day 1” con Stabber e Malafemmina
Guarda qui “Open Sound Festival 2019. DAY 4” (Cava del Sole)
Guarda qui “Open Sound Festival 2019”, il racconto del progetto.
Le musiche di Open Sound sono state protagoniste del prestigioso “Asia​ Cultural Co-operation Forum 2019 (ACCF) tenutosi ad Hong​ Kong,​ uno degli eventi culturali più importanti del continente asiatico che promuove ed incoraggia le connessioni e lo scambio tra culture, Stati e progetti internazionali.

Non c’è niente come Open Sound Festival – ROLLING STONE
Matera ha accolto la prima edizione di un festival unico nel suo genere – XL REPUBBLICA
Musica democratica. L’Open Sound FestivalARTRIBUNE 2019
Open Sound vuole valorizzare la tradizione folclorica italiana, mai abbastanza apprezzata e spesso studiata più all’estero che in Italia.INTERNAZIONALE
Musica a Matera: il video della performance (…) Open Sound Festival – ARTRIBUNE 2020
La musica coraggiosa, i progetti ben pensati (…) Open Sound pure nel 2020 ha fatto un lavoro di grande, grandissimo spessore.SOUNDWALL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *