Laboratorio “Responsive Spaces” per Matera 2019

Materiali poveri come il tufo, il legno, da utilizzare con software, dispositivi e applicazioni a basso costo “open source”, per suonare, divertirsi costruire, utilizzare prodotti multimediali nella vita di tutti i giorni o per spazi, come la Cava del Sole, che diventeranno poli di animazione territoriale e culturale di Matera “Capitale europea della cultura per il 2019”. Su questi temi è incentrato il laboratorio di “Responsive Spaces, applicazione di sistemi Arduino ed installazioni interattive” diretto da Luca Acito e Costantino Rizzuti in collaborazione con Open Lab Matera, che nella giornata di ieri, nell’ambito delle attività dell’Open design school, ha coinvolto studenti delle scuole medie superiori della Basilicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *