L’assessore Pittella illustra l’intervento della Regione su San Nicola di Melfi

Potenziamento della capacità di depurazione e di trattamento dei rifiuti liquidi speciali dell’impianto di depurazione di Melfi, efficientamento energetico delle reti di pubblica illuminazione, messa in sicurezza del cunicolo multiutenze, ripristino e potenziamento del raccordo ferroviario. Sono queste le opere infrastrutturali finanziate dalla Regione Basilicata nell’area industriale di San Nicola di Melfi ed avviate a realizzazione con circa 2,4 milioni di euro, risorse del Po Fesr 2007-2013.

Lo ha comunicato oggi a Melfi l’assessore alle Attività Produttive Marcello Pittella nel corso di un incontro operativo-istruttorio con l’amministrazione comunale di Melfi e il Commissario del Consorzio Industriale della Provincia di Potenza. Nel corso dell’incontro è stata fatta una disamina complessiva delle necessità infrastrutturali materiali e immateriali dell’area industriale. “Abbiamo messo in campo un buon metodo per approfondire le carenze infrastrutturali e le misure possibili che le Istituzioni potranno mettere in campo nell’area industriale di San Nicola di Melfi- ha detto Pittella. L’organizzazione di vertici istituzionali ai quali partecipano la Regione, il Comune di Melfi e il Consorzio Industriale rappresentano la migliore sintesi tecnico-politica per monitorare le criticità e programmare gli interventi. Tutti insieme – ha continuato l’assessore – dobbiamo individuare le migliori forme di incentivazione per favorire l’insediamento delle imprese. Il trasferimento dell’impianto di chiarificazione delle acque per uso industriale è un primo passo concreto per l’abbattimento dei costi industriali – ha detto Pittella. Dall’esito dei Tavoli istituzionali – ha concluso l’assessore avremo elementi utili per rendere più efficienti le iniziative che andremo a finanziare con il prossimo ciclo di programmazione”. Il confronto continuerà sempre a Melfi nel mese di dicembre attraverso un incontro allargato ai rappresentanti delle imprese insediate nell’area industriale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *