L’assessore Rosa chiede il controllo delle emissioni nell’impianto a biomasse a Sant’Angelo Le Fratte

Sulle emissioni dell’impianto a biomasse situato a Sant’Angelo Le Fratte è intervenuto l’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa. Nei mesi scorsi i cittadini, che si erano costituti in comitato aderendo all’associazione Ehpa Basilicata, avevano denunciato, con un esposto alla Procura della Repubblica, presunte irregolarità nell’impianto e nella procedura amministrativa per la costruzione dello stesso. 
Nelle due denunce presentate è stato anche evidenziato l’impianto, situato in località Isca-Pantanella, sprigiona un forte odore di bruciato e una fuliggine bianca ben visibile poi su davanzali delle abitazioni e sulle auto. 
L’azienda titolare dell’impianto, la Tan Pellets International Lucania, dopo aver ottenuto una prima autorizzazione per produrre pellet, ha chiesto e ottenuto un’altra autorizzazione per poter trattare biomasse e produrre così energia. 
“Ho chiesto agli Uffici del Dipartimento e all’Arpab informazioni su una segnalazione del Comune di Sant’Angelo Le Fratte circa la presenza di fumi e emissioni inquinanti presumibilmente prodotta dall’impianto di produzione pellet con cogeneratore a biomasse, sito in c.da Isca. – ha detto Rosa – La segnalazione del Comune risale al marzo scorso. Data la mancanza di riscontri, ho ritenuto opportuno chiedere informazioni direttamente, rispetto ai controlli effettuati sulle emissioni e ho chiesto di valutare l’installazione, nei pressi dello stabilimento, di un sistema di monitoraggio permanente attuato tramite deposimetri e centralina mobile che misuri anche PM2.5. Il dovere di controllo di tutte le potenziali fonti di inquinamento è dovere dell’Assessorato e ci stiamo impegnando affinché tutte le questioni in sospeso siano chiarite”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *