L’associazione ‘Maria Ss della Bruna’ delibera restauro dell’edicola votiva di Gradoni Municipio

Il Presidente dell’Associazione Maria SS. della Bruna, Mimì Andrisani, unitamente al Delegato Arcivescovile don Vincenzo Di Lecce , è lieto di comunicare che il Comitato Esecutivo ha deliberato di effettuare, a spese del sodalizio, il restauro dell’edicola votiva, sita in Matera, Gradoni Municipio, lungo la strada che collega Piazza Sedile al Sasso Caveoso. Il progetto è stato trasmesso al Comune di Matera in data 3 Agosto u.s. per essere inoltrato al competente Sopraintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Basilicata.
L’edicola, realizzata “intorno agli anni Trenta” del secolo scorso, fu commissionata da Eustachio Carlucci e realizzata da don Giovanni Torraca, per illuminare, con lumini ad olio, la zona all’epoca troppo buia, in quanto molte edicole avevano “la funzione di illuminare le strade e proteggere i viandanti”. Trattasi di un dipinto ad olio su lamiera, raffigurante la Madonna della Bruna al centro, con San Michele Arcangelo e l’Angelo Custode ai lati.
L’intento dell’Associazione, prosegue il Presidente, è quello di recuperare un patrimonio storico appartenente alla cultura e devozione della nostra città, con la speranza che altri Enti, Associazioni o imprenditori possano intraprendere tali iniziative, che saranno apprezzate dall’intera comunità materana, come recentemente è avvenuto per le edicole restaurate in Vico Case Nuove. Le edicole da restaurare sono numerose; quelle Mariane sono riportate nel volume Matera Civitas Mariae, curato dalla prof.ssa Rosalba Demetrio. Continuano in tal modo, conclude Andrisani, le attività dell’Associazione Maria SS. della Bruna, sempre più impegnata a realizzare le diverse iniziative di consacrazione della città alla Madonna della Bruna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *